Mkhitaryan

MkhitaryanRoma e Mkhitaryan: una magia che sembra non svanire

L’armeno è stato al centro delle devastanti esibizioni di attacco de “La Lupa” finora in questo periodo, e in molti pensano che ci sia un ritocco tattico che possa aumentare la sua influenza.

Ecco come nasce uno dei più grandi showmen della Serie A attuale

C’è molto di più da aspettarsi da uno dei più grandi showmen della Serie A finora in questa stagione. Henrikh Mkhitaryan ha guidato la Roma al terzo posto in una breve pausa invernale, con le sue esibizioni che attirano elogi da tutti gli angoli della penisola.

La sua orchestrazione esperta di un atto acuto d’attacco è l’attrazione principale di questa iterazione del circo romano, ma il suo direttore di circo deve dargli una mano se il club spera di fare una seria sfida per lo scudetto. Paulo Fonseca dovrà premere i pulsanti giusti nei prossimi mesi.

Il tattico portoghese merita un enorme credito per il suo lavoro con “Mkhi”. Ha sapientemente ristabilito il senso di fiducia in se stesso dell’artista armeno, che era a un punto debole dopo i deludenti periodi con Manchester United e Arsenal.

Inoltre, ha trovato la posizione ideale per il suo numero 77, con una cuccetta sulla sinistra che consente a Mkhitaryan di tagliare dentro il suo piede destro preferito o usare il suo ingannevole cambio di ritmo per eseguire corse dietro le retroguardie avversarie. Quella velocità rende Mkhitaryan una vera minaccia in contropiede, ma è altrettanto pericoloso quando riceve palla ai piedi. Ha costruito un’intesa telepatica con Leonardo Spinazzola e quella connessione è stata il miglior metodo della Roma per abbattere le difese ammassate. Questi due giovani si sono combinati brillantemente in numerose occasioni finora in questa stagione, ma l’ex Juventus è stato escluso dall’ultimo scontro della Roma del 2020 contro il Cagliari.

Il futuro dell’Armeno in quello che sembra, per lui, un mercato invernale tranquillo

Mentre i giallorossi creano ancora molto in avanti in un teso 3-2, “Mkhi” è stato meno coinvolto del solito, anche se il suo bel cross-field di Rick Karsdorp ha aiutato a impostare il primo gol. Anche se Bruno Peres ha fatto una buona prestazione al posto di Spinazzola, Fonseca spera che l’italiano possa tornare in azione in tempo per la resa dei conti con la Samp il 3 gennaio. Un apparente infortunio muscolare ha impedito al 27enne di partecipare contro il Sardi, ma un lungo periodo in disparte metterebbe a dura prova i piani de La Lupa per una buona seconda metà di stagione.

Qualsiasi contrattempo per Spinazzola sarebbe fuori dal controllo di Fonseca, ma c’è un cambiamento che può fare in mezzo alla formazione per dare a Mkhitaryan un altro complice. Lorenzo Pellegrini ha alternato ruoli di trequartista o punta avanzata accanto a Mkhitaryan, e sembra che l’armeno sia molto più efficace quando opera di concerto con il vice-capitano del club.

Entrambi erano ingiocabili quando Pellegrini è stato schierato in buca contro Bologna e Torino, con i due combinati per quattro gol e due assist. Tuttavia, Mkhitaryan è stato molto meno influente quando l’ex Sassuolo è stato trasferito in sala macchine contro l’Atalanta, in particolare in una seconda strofa in cui la Roma è stata invasa dai padroni di casa.

Fortunatamente per Fonseca, l’ascesa di Gonzalo Villar gli offre l’opportunità di giocare Pellegrini in una posizione più avanzata. Il giovane spagnolo si è guadagnato un posto negli undici titolari alla base del centrocampo, con il suo impressionante mix di acciaio e abilità che lo rendono il fioretto perfetto per Jordan Veretout. Il progetto per massimizzare il Mkhitaryan è già stato definito, ora spetta all’allenatore metterlo in pratica con regolarità.

Per ora, quindi, l’armeno sembrerebbe preferire rimanere con la sua squadra attuale, ed è poco probabile aspettarsi dei colpi di mercato dalle big europee in questa breve finestra invernale di calciomercato. Ma si sa: il calcio è strano, e la sorpresa potrebbe essere sempre dietro l’angolo.