Il momento decisivo dell’Inghilterra

Il momento decisivo dell’Inghilterra

In quella frazione di secondo quando accadde tutto, quando il muro croato si voltò per vedere, quando Danijel Subasic tornò sulla terra a mani vuote, quando la rete si allargò e Kieran Trippier attraversò il Luzhniki, una versione delle stesse poche parole attraversò le menti inglesi, a occhi spalancati e increduli: sta davvero tornando a casa.

Se i Mondiali dell’Inghilterra possono essere abbattuti in montagne russe di credenze e dubbi, di speranza e disperazione, allora quel momento è stato il suo picco terrificante, quando il muro di inibizioni si è sciolto e le possibilità sembravano infinite.

In quel momento sembrò azzeccato che fosse Trippier, una carriera costruita sulla pazienza e la perseveranza al punto di partenza. Il suo primo gol da professionista, per Barnsley contro il Leeds United nel 2011, è stato un calcio di punizione da 25 metri; il suo secondo è stato anche un calcio di punizione da 25 metri. Puoi vederlo su YouTube; mentre Tripper si prepara a sparare, riceve un consiglio da un fan dietro la telecamera – “Proprio sul bersaglio, basso e fottutamente duro” – prima di spazzare la palla oltre il muro e nell’angolo superiore.

Il momento decisivo dell’Inghilterra

MOMENTO DECISIVO PER L’INGHILTERRA (© VERVERIDIS VASILIS / SHUTTERSTOCK.COM)

Sette anni dopo, il suo primo obiettivo in Inghilterra era identico. La carriera del 27enne è stata una lenta bruciata – promessa a Barnsley, miglioramento a Burnley, pazienza a Tottenham – e mentre i suoi compagni di squadra si sono ammassati su di lui mercoledì sera, un pensiero mi è venuto in mente che questo era probabilmente un altro degli attenti piani di Gareth Southgate che si concretizzano, per mantenere il piede destro nel calcio inglese solo per dispiegarlo in tutto il suo splendore al quinto minuto di una semifinale di Coppa del Mondo.

L’obiettivo sembra un po ‘insensato ora, perso nella nebbia frenetica della notte, ma ha incarnato il più grande trionfo della Coppa del Mondo di questa squadra, la capacità di far scatenare la gioia sfrenata dallo stivale o dal guanto di un giocatore o dalla fronte ai parchi e ai pub dell’Inghilterra. Nessuno sapeva che alla fine sarebbe stato inutile, proprio come nessuno sapeva quanto sarebbe andata l’Inghilterra quando Harry Kane salvò la giornata contro la Tunisia, o quando gli obiettivi piovvero a Panama, o quando la penalità di Eric Dier batté la punta di David Ospina. Come tutti quei momenti, il mondo si sentiva senza limiti.

L’obiettivo era la definitiva, liberatoria rivendicazione del lavoro di Southgate.

Lascia un commento