Serie A Juventus v Inter

Juve-Inter: il maestro contro l’allievo

Serie A Juventus v Inter

Juventus v Inter / ph.FAB / Stockfoto: 1490899985

Il ciclo delle vittorie della Juventus è iniziato con Antonio Conte in panchina e Andrea Pirlo in campo. Dieci anni dopo l’allenatore dell’Inter ha l’opportunità di distruggere ciò che ha creato.

Un passo indietro sulla storia del successo dei bianconeri

Dieci anni fa, la Juventus arrivava da due settimi posti consecutivi in ​​Serie A con Andrea Agnelli che si accontentava di Antonio Conte, un fan sfegatato della Juventus e una leggenda del club, per restituire la vecchia signora alla vittoria. Certo, Conte non poteva fare tutto da solo. La Juventus ha firmato Andrea Pirlo come free agent dal Milan e Arturo Vidal per 10 milioni di euro dal Bayer Leverkusen.

Nessuno si aspettava che la Juventus vincesse lo scudetto davanti al Milan di Max Allegri che poteva contare su personaggi del calibro di Zlatan Ibrahimovic e Thiago Silva, solo per citarne alcuni. Forse gli sviluppi dei dieci anni successivi erano ancora meno prevedibili. I bianconeri hanno vinto nove titoli di Serie A consecutivi, i primi tre con l’attuale tecnico dell’Inter in carica.

Il suo rapporto con la Juventus è crollato dopo la sua terza stagione al club. Conte si è dimesso nella seconda giornata del pre-campionato della stagione 2014-15. Era convinto di non poter fare di meglio con quella squadra e temeva che il club non potesse completare con i migliori club europei in termini di investimenti.

Max Allegri ha dimostrato che si sbagliava nella sua prima stagione al club. Il tecnico livornese ha vinto una doppietta nazionale e si è guadagnato un posto in finale di Champions League per la prima volta in 12 anni. Quella è stata l’ultima partita di Pirlo con la maglia della Juventus.

La Vecchia Signora ha perso 3-1 contro il Barcellona a Berlino, ma il risultato è rimasto impressionante, considerando che Conte era stato eliminato dalla Champions League nella fase a gironi nella stagione precedente e non è riuscito ad accedere alla finale di Europa League che si sarebbe giocata allo Juventus Stadium .

Conte non ha mai sistemato il suo rapporto con Andrea Agnelli che ha posto il veto al suo possibile ritorno nelle campagne successive.

La possibilità di riscatto potrebbe arrivare questa domenica

La sua nomina ad allenatore dell’Inter nel 2019 non è stata una sorpresa quando si è riunito con l’ex direttore della Juventus Beppe Marotta, che ha lasciato anche lui scandalosamente il Torino nel 2018, solo pochi mesi dopo l’arrivo di Cristiano Ronaldo, operazione che non aveva ‘ t completamente sostenuto.

Il loro obiettivo numero 1 è sempre stato molto chiaro: distruggere ciò che hanno contribuito a creare.

L’Inter avrà la possibilità di farlo domenica, quando ospiterà la Juventus di Andrea Pirlo allo Stadio Giuseppe Meazza. Uno scenario che 10 anni fa sarebbe stato ancora meno prevedibile del primo scudetto della Juventus di Conte. I nerazzurri sono secondi in classifica di Serie A e godono di un vantaggio di quattro punti sui bianconeri, che hanno una partita in mano.

La presenza in attacco di Romelu Lukaku permetterà all’Inter di usare palloni lunghi per allentare la pressione degli avversari, mentre avere Cristiano Ronaldo che taglia dentro da sinistra è sempre un’arma pericolosa che la Juventus può usare. Non solo perché il fuoriclasse portoghese può creare guai in qualsiasi momento, ma anche perché attirerebbe i difensori degli avversari lasciando i compagni più liberi di ricevere palla.

Giorgio Chiellini ha insistito sul fatto che la partita tra Inter e Juventus non sarà decisiva, ma l’impressione è che la squadra perdente possa subire un grave arretramento nelle speranze di scudetto, soprattutto perché nessuno dei due è capolista.

Battere la Juventus, tuttavia, potrebbe essere il primo passo per porre fine al decennio dominante della Vecchia Signora.