Adrien Rabiot

Interesse per Rabiot del PSG sul mercato. Se lo contendono Juventus e Milan, con l’Inter alla finestra

Nonostante l’inizio del campionato, nonostante la campagna acquisti piuttosto aggressiva fatta da Juventus, Milan e Inter, pare che il tutto non sia ancora finito.

C’è l’interesse per Rabiot del PSG che attualmente non ha rinnovato il contratto con la squadra francese e non si hanno attualmente informazioni riguardo la sua prossima partenza e la squadra per cui giocherà prossimamente. Non si tratta di un giocatore da poco, e alla porta c’è anche il Barcellona, che vorrebbe acquistare il talento della Ligue 1.

Il Barcellona insiste, il Psg fa muro e le nostre big si sfidano per conquistare il sì di Veronique, l’influente mamma di Adrien Rabiot. Attorno al talento francese si sta scatenando un’autentica asta che vede Juventus e Milan in primissima fila, mentre anche l’Inter si prepara ad entrare in azione. In Catalunya i media spingono in vista del traguardo del 31 agosto. Ma le indiscrezioni spagnole non tengono conto della determinazione del club parigino su questo fronte. Tuchel lo utilizza a tempo pieno e il presidente Nasser Al-Khelaifi è convinto di strappare prima o poi la firma del rinnovo.

Adrien Rabiot

ADRIEN RABIOT (© VLAD1988 / SHUTTERSTOCK.COM)

Fatto sta che sinora le trattative del d.s. Antero sono state infruttuose. Ora Rabiot guadagna circa 2 milioni netti a stagione e il club gli ha proposto uno stipendio da oltre 5 milioni all’anno. La questione, però, è intricata: mamma Rabiot fa sapere che i dubbi non sono solo economici. A 23 anni Adrien vuol cogliere le opportunità tecniche migliori e non ha fretta. Dal canto suo il Psg lo ritiene la bandiera del prossimo futuro, ma fatica a trovare (per ora) la chiave giusta.

E ciò apre le porte della speranza per le nostre grandi. Il Milan ha già fatto un sondaggio, visto che Leonardo ha ascendente sulla famiglia Rabiot. Non a caso 4 anni fa (quando il brasiliano era manager dei parigini) fu proprio lui a definire l’attuale accordo. La firma per il quinquennale arrivò a novembre dopo un’estate di passione. All’epoca la Juventus s’era mossa per tempo, ponendo le basi per un’intesa a parametro zero. Con Pogba già protagonista a Torino cercavano al massimo delle alternative, così i contatti non portarono ad un’intesa vera e propria. Anche per l’ingresso in scena della Roma, pronta a dargli un posto da titolare con il connazionale Garcia a far da garante.

Lascia un commento