Inghilterra - Croazia

Inghilterra in semifinale, iniziano i sogni

“L’Arsenal vince la Coppa del Mondo”, ha letto la prima pagina del Daily Mirror il 13 luglio 1998, il giorno dopo che la Francia aveva sconfitto il Brasile 3-0 a Parigi.

E se il titolo si sente un po’ esagerato ora – solo un giocatore dell’Arsenal (Emmanuel Petit) ha effettivamente iniziato quel gioco, con Patrick Vieira in arrivo come sostituto in ritardo – quindi fornisce una comoda istantanea in quei primi giorni innocenti e leggeri della Premier League. Fino a quel momento, nessun giocatore aveva vinto la Coppa del Mondo mentre esercitava il suo mestiere in Inghilterra dal 1966. E anche se l’afflusso di stranieri era a buon punto da quel punto, l’idea di giocatori inglesi che conquistavano il palcoscenico mondiale sembrava ancora una vertiginosa novità , una fonte di curiosa procura orgoglio patriottico.

Due decenni dopo, potresti dire che la conquista è completa. Quattro squadre rimangono in questa competizione estiva, e dei giocatori di queste squadre, poco meno della metà – 40 su 92 – giocano il loro calcio in Inghilterra. Per metterlo in prospettiva, questo è solo uno in meno rispetto al numero combinato di giocatori di La Liga (12), Bundesliga (9), Ligue 1 (12) e Serie A (8). La storia della Coppa del Mondo 2018 è stata, per molti versi, uno dei trionfi della Premier League.

Inghilterra - Croazia

INGHILTERRA – CROAZIA (© BOLDG / SHUTTERSTOCK.COM)

Se l’Inghilterra dovesse seguire l’esempio dell’Italia nel 2006 e vincere il torneo con una squadra interamente nazionale, completerebbe il set dei campionati del Big Five per assicurarsi un trofeo della Coppa del Mondo per il loro paese ospitante. E per tutto il suo apparente valore di sorpresa, un trionfo dell’Inghilterra sarebbe in molti modi interamente in linea con l’economia prevalente del gioco.

Durante la sua conferenza stampa post-partita dopo la vittoria dei quarti di finale contro la Svezia, a Gareth Southgate è stato chiesto quanto la sua squadra avesse tratto beneficio dall’influenza dei migliori allenatori della Premier League. “Dal punto di vista inglese, siamo molto fortunati che i nostri giovani giocatori giochino con Conte, Klopp, Mourinho, Guardiola, Arsene, i migliori allenatori stranieri”, ha detto (l’omissione di Mauricio Pochettino è stata sicuramente involontaria, Southgate ha elogiato il suo contributo in numerose occasioni in passato). “Sono stati allenati nei loro club ogni giorno della settimana e hanno avuto l’opportunità di giocare. Questo ha prodotto giovani giocatori in grado di gestire la palla”.

Eppure, dovremmo probabilmente diffidare di dare troppo credito alla Premier League. Dopotutto, l’attrazione stellare e il capitalismo nudo che ha attratto il meglio del mondo per l’Inghilterra devono essere bilanciati con la conseguente limitazione delle opportunità per giocatori e allenatori nazionali. La Premier League non sviluppa i calciatori inglesi per la bontà del suo cuore. È semplicemente una piattaforma di intrattenimento per chiunque sia in grado di competere; di cui pochi, per coincidenza, saranno inglesi.

Lascia un commento