Diego Armando Maradona

Diego Armando Maradona 1Il numero 10 deve essere ritirato?

La morte di Diego Armando Maradona è stata uno degli eventi più tragici del 2020 e molti discutono se il n.10 debba essere ritirato come ha suggerito il figlio della leggenda del Napoli.

La maglia N.10: leggenda e storia

L’iconico N.10.

È un numero indossato dai grandi del gioco, che rappresenta una posizione associata a genio creativo, abilità vellutate, estro artistico, regista intoccabile di una squadra – il migliore. Alfredo di Stefano, Pelé, Michel Platini, Lothar Matthaus e Roberto Baggio sono solo una manciata di superstar mondiali ad aver indossato la maglia storica. E quando grandi come quelli sopra menzionati vengono sollevati in una conversazione, una discussione di follow-up naturale spesso include il ritiro, o meno, delle maglie di quei giocatori nelle rispettive squadre. Il gesto simbolico di ritirare la maglia di un giocatore – per rispetto del suo ineguagliabile contributo, della sua prematura scomparsa, o di entrambi – è più popolare in alcuni paesi che in altri.

Il ritiro della maglia numero 10 di Pelé al New York Cosmos nel 1977 è considerato il primo atto di questo tipo nel calcio, con la pratica che da allora in poi è diventata un mezzo popolare per celebrare i giocatori in una serie di club in Italia. La maglia n. 6 di Franco Baresi al Milan, la n. 4 di Javier Zanetti all’Inter, la n. 11 di Gigi Riva al Cagliari e la n. 7 di Marco Rossi al Genoa sono solo una manciata di maglie appese per l’ultima volta nei musei dei club in onore dello status leggendario dei loro giocatori. Allo stesso modo, il numero 14 di Federico Pisani all’Atalanta, il numero 25 di Piermario Morosini sia a Livorno che a Vicenza e più recentemente il numero 13 di Davide Astori a Cagliari e Fiorentina sono stati ritirati postumo come tributo di lunga durata.

L’amata maglia numero 10 del compianto Diego Maradona è stata ritirata dal Napoli nel 2000, quasi un decennio dopo la sua 259esima e ultima partita con i Partenopei, dopo aver segnato 115 gol in sette anni che includevano la vittoria della Coppa UEFA e due scudetti – gli unici due Scudetti nella storia del club.

La richiesta di moltissimi fan del Napoli e del figlio dell’Argentino

Dopo la recente scomparsa del maestro argentino, lo Stadio San Paolo del Napoli e la stazione della metropolitana Cumana e la Copa Liga argentina sono state tutte ribattezzate in suo onore, mentre sono state fatte nuove chiamate per ritirare la maglia numero 10 di El Diez nelle altre squadre in cui ha giocato – Argentinos Juniors , Boca Juniors, Barcellona, ​​Siviglia e Newell’s Old Boys – dal figlio maggiore Diego Maradona Junior.

Ciò ha fatto seguito a una dichiarazione rilasciata dall’allenatore del Marsiglia Andre-Villas Boas, che ha invitato la FIFA a ritirare la maglia numero 10 in tutto il mondo in onore di Maradona.

Rendere omaggio a un calciatore ritirando la sua maglia in un club in cui eccelleva è una cosa, ma ritirare il suo numero di maglia in ogni squadra in cui ha giocato, e anche in quelle che non ha, può sembrare estremo a molti. Certo, la carriera decorata e ben pubblicizzata di Maradona può di per sé essere descritta agli estremi, ma fino a che punto gli eroici argentini possono essere equamente livellati contro tutti i record, i risultati e l’impatto fatti da innumerevoli altri impressionanti No 10 in tutto il mondo?

Portare via per sempre il numero 10 non solo creerà un vuoto simbolico nell’ultimo terzo del campo, ma eliminerà le speranze e le aspirazioni dei futuri numeri 10, formando una barriera impenetrabile che le stelle in arrivo non potranno più sforzarsi di sfondare. Il gioco sarà sempre più grande di qualsiasi individuo, anche Maradona con la sua iconica maglietta numero 10. Come ha fatto il giovane Diego stesso nelle favelas di Bueno Aires, lascia che i bambini sognino.