Didier Deschamps

Didier Deschamps e la fiducia dei suoi per la finale

Sembra vagamente surreale ricordarlo ora, ma poco prima dell’inizio della Coppa del Mondo del 1998, la squadra francese era sotto assedio. Mesi di spedizioni graffianti, in particolare dal quotidiano L’Equipe, stavano iniziando a prendere il loro pedaggio. E l’uomo con il peso della critica è stato l’uomo che avrebbe continuato a sollevare il trofeo appena un mese dopo: l’allenatore Aime Jacquet.

Jacquet ha avuto una corsa terribilmente dura nel build-up del torneo: deriso per il suo contegno leggermente malinconico; castigato per il suo calcio conservatore; lamentato per la sua apparente incapacità di ispirare. E anche nel momento del più grande trionfo nella storia del calcio francese, Jacquet non era incline a lasciare che le cose scivolassero. “Alcuni della stampa hanno mentito in modo vergognoso”, ha detto nel subito dopo la vittoria. “Non li perdonerò mai. Ho solo disprezzo per queste persone. ”

Se Didier Deschamps dovesse alzare la Coppa del Mondo per la seconda volta domenica sera, è improbabile che sarebbe così indiscreto. Ma anche se la retorica non è ancora arrivata ai livelli viziosi del 1998, difficilmente potreste biasimarlo per aver voluto esprimere un punto. “Quando vedo i volti dei miei giocatori, sì, sono molto felice per loro”, ha detto dopo la vittoria per 1-0 della Francia nella semifinale sul Belgio martedì sera. “E non ho intenzione di nascondere che sono molto felice per me stesso.”

Didier Deschamps

DIDIER DESCHAMPS (© MARCO IACOBUCCI EPP / SHUTTERSTOCK.COM)

Pochi allenatori sono arrivati ​​in Russia con la stessa pressione di Deschamps. Sebbene fosse in possesso di uno dei più talentuosi gruppi di giocatori che la Francia abbia mai portato a un torneo importante, l’allenatore è stato ampiamente considerato come l’anello debole: poco interessante, tatticamente imperfetto, incapace di stabilirsi nella sua migliore squadra. Con Zinedine Zidane in agguato nell’ombra, e non facendo mistero del suo desiderio di allenare la Francia ad un certo punto, qualsiasi cosa in meno di un’inclinazione a gola piena al trofeo probabilmente avrebbe visto la porta della trappola sotto Deschamps oscillare minacciosamente aperta.

E anche se la Francia si trova sull’orlo della loro seconda Coppa del Mondo, l’uomo che sarebbe l’unico collegamento tra le loro due vittorie si sforza ancora di convincere il grande pubblico che in realtà è molto bravo, piuttosto che semplicemente molto fortunato. Deschamps è davvero un dirigente d’elite a distanza commovente della sua gloria di incoronazione? O tuo padre avrebbe allenato Griezmann, Mbappe, Kante e Pogba in una finale di Coppa del Mondo?

All’interno del campo francese, è meno di un problema. “Ha una vera fiducia in me, che cerco e ripagare sul campo”, dice Olivier Giroud. “È un allenatore che non si arrende mai e sa come parlare ai suoi giocatori. È molto forte nella sua determinazione a inculcare una cultura vincente. ”

Lascia un commento