FRANCESCO MOLINARI

Golf Ball BANNERChi vincerà il British Open 2019? | Anteprima, quote e pronostici

Manca circa una settimana al Open Championship 2019 di Royal Portrush, il che significa che è tempo di guardare ai nostri consigli sulle scommesse. Tra tutti i siti di scommesse che offrono quote su questo British Open, Better Lottomatica è tra le più complete e mette in primo piano la coppia Brooks Koepka e Rory McIlroy, ovviamente, senza sorprendere chi mastica pane e golf.

92/100 250€ Betway Recensione
  • App di gioco mobile per qualsiasi sistema operativo
  • Ottime funzioni statistiche per le scommesse liv
86/100 150€ Betrally Recensione
  • Enorme scelta di discipline sportive
  • Possibilità di scommette live
  • Ottimo bonus di benvenuto
88/100 50€ Better Recensione
  • Costanti promozioni per tutti i clienti
  • Scommesse live e streaming tv in tempo reale

La storia dell’Open Championship

L’Open Championship si giocò per la prima volta nel 1860 al Prestwick Golf Club in Scozia. L’Open si è sempre tenuto nel Regno Unito ed è l’unico grande torneo di golf che si gioca al di fuori degli Stati Uniti. Spesso descritto come uno dei “test di maggiore difficoltà” dai più grandi golfisti di tutti i tempi, questo Open Championship è caratterizzato da mancanza di alberi, bunker insidiosi e pochi ostacoli d’acqua, ma anche molto vento. Infatti, l’Open Championship viene spesso vinto dal giocatore che riesce a gestire meglio umidità e vento.

Di solito l’Open si gioca in Scozia, nel nord-ovest dell’Inghilterra e nel sud-est dell’Inghilterra. L’Old Course di St Andrews ospita l’Open Championship ogni cinque, mentre gli altri ospitano il torneo all’incirca ogni 10 anni. I giocatori statunitensi hanno vinto 44 volte questo Major, mentre gli scozzesi hanno vinto in 41 occasioni, infine, i migliori giocatori inglesi hanno ottenuto 22 vittorie. Il British Open ha fatto segnare punteggi molto bassi negli ultimi anni, con un punteggio medio di -16 per la vittoria negli ultimi quattro tornei. L’Open Championship, noto anche come The Open o British Open, è il più vecchio dei quattro campionati di golf più importanti del mondo. Per questo motivo, trionfare qui significa anche entrare di diritto nella storia del golf.

Quali giocatori si contenderanno il British Open Championship nel 2019?

Dotato di uno dei più grandi campi del golf al mondo, l’Open Championship vede la partecipazione dei migliori giocatori del mondo, ma anche quella dei golfisti dilettanti e anche i professionisti locali che si sono qualificati.

2019 British Open

Portrush ,Co. Antrim N.Ireland. 18 febbraio 2015 Preso sul campo da golf del Royal Portrush Golf Club nel 2015. Questo campo (con alcune modifiche) ospiterà il British Open 2019.

Ci sono molti tornei di qualificazione che si svolgono durante tutto l’anno, inclusi quelli dell’Australian Open dove i primi tre classificati arrivano fin qui.

  • Open Champions dai 60 anni in su
  • Open Champions dal 2009-2018
  • Primi 10 posti nel campionato Open 2018
  • Primi 50 giocatori nella classifica mondiale del golf
  • Vincitori del campionato BMW PGA dal 2017 al 2017
  • Vincitori dei master dal 2015-2019

Chi ha vinto il maggior numero di titoli?

Harry Vardon ha vinto sei Open Championship nel corso della sua illustre carriera. Il record più recente nella storia appartiene a Tiger Woods con tre vittorie. Il golfista irlandese Padraig Harrington ha vinto il titolo back-to-back nel 2007 e nel 2008. Non c’è stato un solo vincitore di ‘casa’ dal 1999, quando Paul Lawrie vinse davanti ai suoi tifosi a Carnoustie, in Scozia.

Questi sono i vincitori degli ultimi anni:

2018 Francesco Molinari Italia
2017 Jordan Spieth Stati Uniti
2016 Henrik Stenson Svezia
2015 Zach Johnson Stati Uniti
2014 Rory McIlroy Irlanda del nord
2013 Phil Mickelson Stati Uniti
2012 Ernie Els Sud Africa
2011 Darren Clarke Irlanda del nord
2010 Louis Oosthuizen Sud Africa
2009 Stewart Cink Stati Uniti
2008 Padraig Harrington Irlanda

Scommettere sul golf è diverso dallo scommettere sugli altri sport?

Non è possibile prevedere un rimbalzo fortunato o sfortunato di una pallina vicino alla buca da golf, per questo motivo le scommesse sportive, sia nel campo del golf o qualunque altro sport, sono pericolose. Ma come ogni appassionato di golf sa bene, in questo sport il rimbalzo fortunato o sfortunato di una pallina, è ancora più casuale.

Un giocatore di golf può effettuare un colpo perfetto, ma colpire comunque l’asta della bandierina e veder rimbalzare la sua pallina in acqua, quando avrebbe potuto portare in buca Tiger Woods al Masters nel 2013, ad esempio. Quindi, se vuoi scommettere sul golf, devi essere disposto accettare questi rimbalzi sfortunati che potrebbero costarti una scommessa. Inoltre, per via della natura individuale del golf, ci sono molte più scommesse individuali rispetto agli altri sport (vedi sotto).

Quali sono e cosa significa le probabilità (Odds)?

La maggior parte delle scommesse, vengono effettuate sulla probabilità (Odd) che un giocatore vinca un torneo. Le Odd per la vittoria di ogni torneo, nel golf, verrebbero considerate scommesse a lungo termine in qualsiasi altro sport. Ad esempio:

Koepka e McIlroy sono i due favoriti per vincere il British Open 2019. Se punti 10 euro sul primo con le quote di Better Lottomatica, ad esempio, puoi vincere ben 80 euro, mentre scommettendo lo stesso importo su McIlroy ne potresti vincere addirittura 90! E così via per gli altri golfisti. Se il nostro Francesco Molinari ripetesse il suo exploit dello scorso anno, vincendo sull’erga inglese, con 10 euro di scommessa, potresti portare a casa la cifra di 150 euro, mentre scommettendo d’azzardo con 100 euro, potresti vincere ben 1.500 euro!

100€
100% fino a 100€ Bonus di Benvenuto
200€
200€ EXTRA CASH BACK di benvenuto
100€
Fino a 100 € Bonus di benvenuto
200€
50% fino a 200€ Bonus di Benvenuto

Quali mercati sono disponibili per scommettere sul golf?

Considera questa sezione come un piccolo glossario che puoi utilizzare se non conosci bene il mondo delle scommesse legato al golf.

  • Scommessa each-way: molto comune in Europa, questa tipologia di scommessa è una sorta di scommessa doppia. In questo caso, puoi scommettere sia la vittoria del torneo e sia che lo stesso giocatore si piazzi in alto in classifica. Ciò significa che raddoppi la tua potenziale vincita, un po’ come un exacta o una trifecta nelle corse di cavalli.
  • Leader del primo round: questa è piuttosto auto-esplicativa. Prima del torneo, i bookmaker offrono la possibilità di scommettere chi terminerà in testa il primo round. Queste probabilità di solito sono molto alte, in quanto non solo è difficile da prevedere, ma il fattore ‘variabilità’ all’interno di ogni singolo round è molto alto. Detto questo, se sai che un particolare giocatore eccelle di giovedì, questa potrebbe essere una buona scommessa. Solitamente, i siti di scommesse offrono lo stesso mercato anche per il secondo e il terzo round, fino alla fine del torneo.
  • Probabilità di vincere: anche questo è auto-esplicativo. Queste sono le maggiori probabilità per una settimana di torneo. Devi indovinare il vincitore del titolo definitivo. La maggior parte degli appassionati di golf sa quanto spesso i tornei entrano nel vivo solo negli ultimi giorni, al giorno d’oggi. Non importa se il tuo ragazzo è arrivato fino allo spareggio, se perde – perdi anche tu. Certo, potresti coprire la tua scommessa per assicurarti di vincere comunque…
  • Coprire la scommessa nel golf: questa può essere una strategia molto utile se hai scommesso su un giocatore prima dell’inizio di un torneo. Diciamo che il golfista su cui hai scommesso, si trova in testa al sabato o alla domenica e hai buone probabilità di vincere. Stai pensando alla grande vincita che potresti ottenere. A questo punto, dovresti pensare a come coprire la tua scommessa per assicurarti di portarti via qualche soldo alla fine del torneo. Se il tuo giocatore è in vantaggio di un paio di colpi, la strategia di copertura sarebbe quella di scommettere sulle quote live degli altri giocatori alla sua portata, nel caso in cui il tuo ‘ragazzo’ decidesse di lottare colpo su colpo fino alla fine. Considera la tua equity di copertura (quanto puoi vincere, contro le probabilità che ciò accada realmente), e scommetti di conseguenza.

Chi ha maggiori probabilità di vittoria

McIlroy ha vinto il Players Championship a marzo, a cui ha fatto seguito subito dopo con la vittoria del RBC Canadian Open a giugno. La settimana successiva, durante la sua apparizione più recente, Rory ha collezionato un T9 all’O.S. Open di Pebble Beach. Il campione nord irlandese sta attraversando senza ombra di dubbio un momento di forma fantastico, ma questo non è l’unico motivo per cui la maggior parte degli appassionati di golf scommetteranno su di lui.

FRANCESCO MOLINARI

LE SPERANZE DI NOI ITALIANI SONO RIPOSTE TUTTE IN FRANCESCO MOLINARI VINCITORE NEL 2018 (© ISOGOOD_PATRICK / SHUTTERSTOCK.COM)

McIlroy, che è cresciuto nell’Irlanda del Nord, detiene il record di Royal Portrush. Ha ottenuto un 61 ad appena 16 anni. Questo gli frutta una quota di 9,00 da parte di Better Lottomatica, anche se leggermente davanti a lui il sito di scommesse mette Brooks Koepka, con una quota di 8,00.

Gli avversari da non sottovalutare

Anche se la quota di McIlroy non è la più bassa disponibile su Better, noi puntiamo forte su di lui. Al primo posto, invece, viene dato Koepka a 8,00. Come tutti gli appassionati di golf ben sanno, infatti, Koepka ha vinto il PGA Championship a Bethpage Black a maggio, solo otto mesi dopo aver vinto il PGA 2018 a Bellerive. Inoltre, ha partecipato ai Masters e gli U.S. Open. Tutto ciò suggerisce che questi due nomi sono senza dubbio quelli più importanti su cui scommettere e su ciò non sono d’accordo soltanto gli scommettitori, a quanto sembra.

Al terzo posto, seguono a pari merito secondo il sito di scommesse online Dustin Johnson, Tiger Woods e il nostro Francesco Molinari con una quota di 15,00. Poco più indietro troviamo Jon Rahm (quota di 20,00), che ha appena ottenuto una vittoria al Irish Open. Tornando un attimo a Woods, molti sono indecisi sui pronostici. Sappiamo che ha vinto il suo quindicesimo major ai Masters ad aprile, ma non è riuscito a partecipare al PGA e agli U.S. Open.