Solskjaer

Solskjaer affronta il suo futuro come manager del Manchester United

Solskjaer

Solskjaer

I Red Devils hanno sofferto uno dei giorni più bui della loro storia contro il Liverpool, lasciando Ole Gunnar Solskjaer sotto ancora più pressione.
Ole Gunnar Solskjaer dice che “è arrivato troppo lontano per arrendersi”, nonostante il suo giorno più buio come manager del Manchester United.

Il norvegese potrebbe solo guardare con orrore come il Liverpool ha battuto la sua squadra 5-0 all’Old Trafford. Mohamed Salah ha segnato una tripletta nel gioco, mentre Naby Keita e Diogo Jota erano anche sul bersaglio. È stata la peggiore sconfitta casalinga dello United contro i loro rivali dall’ottobre 1895 – dove hanno perso 7-1 – e ha lasciato le loro speranze di titolo della Premier League a brandelli.

Infatti, i Red Devils hanno perso cinque delle loro ultime nove partite in tutte le competizioni.

E con allenatori come Antonio Conte e Zinedine Zidane disponibili, la pressione sta aumentando per Solskjaer.

“Sono arrivato troppo lontano per arrendermi. Non sono costruito in quel modo”, ha detto alla BBC sul suo futuro.

“La sensazione che abbiamo avuto è che stavamo arrivando dove volevamo essere, ma nelle ultime settimane i risultati non sono arrivati e abbiamo colpito un muro di mattoni. Abbiamo concesso troppi gol facili, e questa è una preoccupazione”.

“Questo è il più basso che sono stato, ma accetto la responsabilità, che è mia e mia andando avanti”.

Solskjaer ha poi aggiunto: “Credo in me stesso. Credo che mi sto avvicinando a quello che voglio con il club. I risultati ultimamente non sono stati abbastanza buoni. Mani in alto, questo porta il dubbio nella mente di chiunque, ma devo tenere duro e credo in quello che abbiamo fatto”.

Lo United, che è al settimo posto in Premier League, torna in azione sabato prossimo per un viaggio al Tottenham.