Malcom? Non so chi sia

Roma, Manolas: “Malcom? Non so chi sia, non lo saluterò”

Il difensore greco parla alla vigilia della sfida contro il Barcellona nell’International Champions Cup: “Prima non conoscevo neanche il suo nome. Non ha voluto la Roma quindi meglio che sia andato al Barça”. Mercato: si continua a lavorare per N’Zonzi.

Poco ma sicuro, ai romanisti questa risposta piacerà: “Malcom? Non so chi sia, non lo conosco, prima non conoscevo neanche il suo nome. Non ci sono motivi per salutarlo, non ha voluto la Roma, meglio che sia andato al Barça”. Kostas Manolas e il Barcellona è una storia che sembra non voler finire: ad aprile il suo gol sotto la Curva Sud ha regalato alla Roma, dopo 34 anni, la semifinale di Champions League e a lui “il momento migliore della mia carriera”.

Mentre adesso, alla vigilia della seconda sfida dell’International Champions Cup, il greco dice: “Dovremo mettere in mostra quanto fatto in allenamento, migliorare in difesa e in attacco, contro il Tottenham su cinque tiri abbiamo preso quattro gol”. Senza Francesco Totti, rientrato in Italia, ma con Monchi, Balzaretti e Baldini, il presidente Pallotta e il d.g. Baldissoni andranno da Boston a Dallas per vedere la partita e fare il punto sul mercato.

Malcom? Non so chi sia

MANOLAS (© BESTINO / SHUTTERSTOCK.COM)

N’Zonzi continua ad essere il preferito per il centrocampo, anche se la trattativa è tutto tranne che chiusa, e i nomi per l’attacco continuano ad essere tanti. Manolas su questo non vuole sbilanciarsi: “Ci pensano i direttori e l’allenatore. Per quanto riguarda me – aggiunge – la mia volontà la sapete, l’ho detta 30mila volte. Per me non è facile anche solo pensare di andar via, sono in una squadra che ti dà tutto e in una città bellissima e vedo anche altri calciatori che non vogliono andar via. Togliere la clausola? Non ne abbiamo mai parlato”.

Di certo, l’addio di Alisson qualche certezza alla Roma l’ha tolta, Manolas lo sa, ma sa pure che “offerte del genere, a lui e alla società, sono fuori mercato e davanti a certe cifre non puoi fare molto. Lo scorso anno è stato forse il migliore, speriamo che Olsen e gli altri portieri siano all’altezza. Per adesso non posso giudicare – dice riferito allo svedese – perché l’ho visto solo in partitella”. Lavora invece da più tempo con la squadra Marcano: Manolas ci ha giocato “sei mesi all’Olympiacos, si integrerà facilmente” mentre Di Francesco è rimasto favorevolmente colpito dal suo approccio.

Lascia un commento