Polonia - Italia

Polonia – Italia: vincere significa restare in “Serie A”

Le due formazioni si giocano la permanenza nella massima serie della Nations League. Gli azzurri cercano una vittoria che ormai manca da tempo.

Polonia-Italia sarà l’ennesimo banco di prova per la nazionale azzurra di Roberto Mancini. La prima edizione della Nations League, competizione che sta riscuotendo un ottimo successo in termini di pubblico (molto meglio delle solite ed inutili amichevoli internazionali), va avanti con il calcio d’inizio che è previsto per stasera alle 20:45 allo Stadio Slaski di Chorzow.

Per le sorti della nazionale italiana, questa partita si annuncia decisiva: in tre partite, la banda di Mancini, ha raccolto la miseria di 1 punto e arrivati qui, la gente si aspetta una reazione da parte dello spogliatoio. Considerando le ultime uscite e le convocazioni fatte dal ct, è probabile che gli azzurri scenderanno in campo con armi piuttosto spuntate (in effetti ci manca proprio chi la butta dentro). Molto diversa è la situazione in casa polacca, dove il tecnico Jerzy Brzeczek ha potuto pescare a mani basse dai campioni polacchi che giocano nel nostro campionato.

Polonia - Italia

POLONIA – ITALIA (© MIZZY MISH / SHUTTERSTOCK.COM)

Considerando gli uomini a disposizione di Brzeczek, non dovrebbe essere difficile mettere in campo una formazione competitiva. I polacchi si dovrebbero schierare con un classico 4-4-2 e gli azzurri dovranno fare particolare attenzione al loro stato di forma. Nonostante la sconfitta contro il Portogallo, infatti, la Polonia ha corso per tutta la partita, cosa che ai nostri ultimamente riesce poco. In porta ci sarà il numero 1 della Juve, Szczesny, mentre i 4 di difesa dovrebbero essere Glik, Bednareck, Bereszynski e Kedziora. In mediana ci saranno l’azzurro (Napoli) Zielinski a fare coppia con Krychowiak, mentre sulle fasce ci dovrebbero essere Kurzawa e Blaszczykowski. In attacco la coppia dovrebbe essere formata da Lewandowski e Piatek.

Il ct Mancini dovrebbe schierare gli azzurri in campo col solito 4-3-3. Il vero problema dell’Italia però resta in attacco, dove le punte stentano a segnare. Nei tre davanti, potrebbe tornare Bernardeschi al centro, ma il tecnico starebbe pensando anche a Lasagna. Jorghino parrebbe confermato in regia, con Verratti al suo fianco, più incertezze invece sulle fasce. Donnarumma tra i pali e davanti la coppia Bonucci-Chiellini, mentre Florenzi e Biraghi dovrebbero coprire le fasce esterne.

POLONIA (4-4-2): Szczesny; Kedziora, Bednarek, Glik, Bereszynski; Kurzawa,  Zielinski, Krychowiak, Blaszczykowski; Lewandowski, Piatek.

ITALIA (4-3-3): Donnarumma; Biraghi, Chiellini, Bonucci, Florenzi; Verratti, Jorginho, Pellegrini; Chiesa, Immobile, Bernardeschi

Lascia un commento