Poca maturità per l’Inghilterra

Poca maturità per l’Inghilterra contro la Croazia

Chiunque fosse il responsabile del sistema audio allo stadio Luzhniki aveva un orecchio attento al pathos e un impeccabile senso del tempo.

Come gli stand svuotati, i croati vittoriosi filtrato nel tunnel e gli ultimi vapori di Coppa del Mondo in Inghilterra scivolò nella notte di Mosca, l’ultima sacca residuo di tifosi alla fine del sud dello stadio sono stati trattati per i ceppi di Non Look Back In Anger di Oasis, quell’altro grande inno di chitarra agrodolce dell’estate 1996. E così le braccia aperte, le gole al cielo, all’unisono e con orgoglio, mettono da parte il loro dolore e lo mettono insieme. Un ultimo ricordo condiviso da un torneo che ha prodotto così tanti.

Sono ricordi come questi che nutriranno i fan dell’Inghilterra nei prossimi giorni, mentre si siedono domenica sera per guardare la Francia che gioca la Croazia in una finale che sentiranno di dover affrontare. Nei prossimi mesi, come cross trainer del calcio nazionale ritorna in movimento e le pulsazioni d’estate iniziano a battere sempre più deboli. Sì, l’Inghilterra ha perso, e meritatamente. Ma sicuramente nulla di ciò che ha provato questo bene può mai essere inutile.

Poca maturità per l’Inghilterra

INGHILTERRA POCO MATURA (© A.RICARDO / SHUTTERSTOCK.COM)

Anche la reazione immediata all’eliminazione dell’Inghilterra ha dimostrato una sfumatura e una compassione che raramente caratterizzano il dibattito pubblico della nostra nazione. Le pagine anteriore e posteriore erano universalmente congratulazioni piuttosto che condiscendenti, preferendo concentrarsi sul viaggio esaltante piuttosto che sull’atterraggio accidentato. Naturalmente, questa è una reazione iniziale naturale; quando si tratta della stampa scandalistica britannica e della camera dei social media, i coltelli non sono mai smussati, solo inguainati. La vera misura di se questo paese è davvero abbastanza maturo per accettare la sconfitta di buon grado sarà se la parte anteriore di buona volontà può tenere nel corso delle prossime settimane, come la luce soffusa si abbassa, le rivalità di club cominciano a riemergere e Raheem Sterling continua vacanza da qualche parte calda e costosa.

La maturità come persona è la capacità di riconoscere l’emozione senza essere schiavizzata da essa. Questo, in molti modi, è stato il più grande trionfo dell’Inghilterra in Russia. Riconoscevano il peso della storia e il sudario dell’aspettativa senza permettergli di intimorirli. Hanno condiviso l’euforia della nazione senza mai lasciarsi trasportare. Sono usciti dal torneo con tristezza, ma mai amarezza o lamentele. In molti modi, questo è forse il gruppo più maturo di persone che rappresentino l’Inghilterra in un torneo importante. Vale la pena festeggiare.

Lascia un commento