Stefano Pioli

Pioli individua gli errori del Milan che gli sono costati la partita contro il Liverpool

Stefano Pioli

Stefano Pioli

I rossoneri sono andati in pausa con un vantaggio ma, incapaci di tenere a bada i Reds, hanno finito la partita sul lato sbagliato del punteggio di 3-2.
Stefano Pioli ha sottolineato gli errori del Milan che sono costati la partita contro il Liverpool.

Mercoledì sera è stato un incontro elettrizzante ad Anfield. Il Liverpool ha fatto breccia nei primi 10 minuti, ma il Milan ha risposto con forza verso la fine del primo tempo, non solo pareggiando, ma anche passando in vantaggio.

I padroni di casa, mostrando grande spirito combattivo, hanno colpito rapidamente dopo la pausa per livellare le questioni prima di sigillare la vittoria – uno spettacolo che sembrava in qualche modo simile alle due gare precedenti tra i due pesi massimi d’Europa nelle finali di Champions League 2005 e 2007.

“La squadra era motivata, ci aspettavamo che il Liverpool iniziasse forte, ma siamo stati un po’ troppo statici e non siamo riusciti a superare il loro primo pressing. Quando non hai la palla, corri dei pericoli”, ha detto Pioli nel post partita, per Football Italia.

“Abbiamo perso perché su un calcio piazzato abbiamo liberato la palla al limite dell’area e non è quello che dovremmo fare”.

“Loro sono stati molto attenti a coprire le zone centrali e a bloccare i canali, quindi ci hanno sempre spinto fuori e questo rende la situazione meno vantaggiosa. Rebic è riuscito a correre contro di loro un paio di volte, ma non sempre abbiamo fatto le corse giuste”.

“Sappiamo che il Liverpool fa del ritmo e dell’intensità una parte importante del suo gioco. Avevamo bisogno di più movimento dalla palla per scrollarci di dosso i nostri marcatori. Quando sei pressato così tanto, hai bisogno di passare la palla più velocemente e questo è quello che abbiamo sbagliato”.

“Quello che mi delude e su cui dobbiamo lavorare è che possiamo fare meglio, perché abbiamo permesso al Liverpool alcune situazioni di dare e andare che di solito difendiamo meglio contro. Avremmo potuto creare molti più problemi per gli attaccanti del Liverpool e renderli più difficili”.