bayern munich 1

Perché Hansi Flick lascia il Bayern Monaco?

bayern munich 1

Bayern Munich

Con sei trofei e un settimo forse in arrivo prima della fine della stagione, perché Hansi Flick lascia il Bayern Monaco?
Il Bayern Monaco ha confermato il boss del RB Leipzig Julian Nagelsmann come nuovo manager per la prossima stagione.

La notizia è arrivata solo 10 giorni dopo che l’attuale allenatore del club Hansi Flick ha annunciato il desiderio di lasciare in estate, nonostante sia sotto contratto all’Allianz Arena fino al giugno 2023.

L’annuncio bomba del 56enne è arrivato nel mezzo di una crescente tensione all’interno del Bayern. Il suo rapporto con il club, in particolare con il direttore sportivo Hasan Salihamidzic, era diventato teso.

Più spesso che no, Flick si è trovato in una lotta di potere con Salihamidzic – soprattutto per quanto riguarda le decisioni di trasferimento.

La decisione di permettere ai centravanti David Alaba e Jerome Boateng di partire una volta scaduti i loro contratti in estate non sono stati approvati da Flick, così come la vendita di Thiago Alcantara al Liverpool lo scorso anno.

“Sono stato l’allenatore capo per un anno e mezzo qui”, ha detto Flick di recente.

“L’anno scorso avevamo una squadra che era qualitativamente migliore di quest’anno, lo sanno tutti”.

Salihamidzic ha tentato una soluzione rapida firmando Douglas Costa, Marc Roca, Bouna Sarr, Tiago Dantas e Eric Maxim Choupo-Moting in ottobre.

A parte Choupo-Moting, tuttavia, nessuno di questi giocatori ha avuto un impatto significativo o ha caratterizzato molto sotto Flick.

La sconfitta nei quarti di finale di Champions League contro il Paris Saint-Germain è stata l’ultima goccia. Pur consapevole del suo impatto al Bayern, e ovviamente soddisfatto dei suoi risultati, Flick ha accettato di non avere mai il pieno controllo.

E con Joachim Low che si dimette da manager della nazionale tedesca, un lavoro che Flick ha presumibilmente sempre sognato, ora sembrava il momento ideale per lasciare il Bayern.

Gli ultimi due anni saranno indimenticabili per me
Nonostante le circostanze sfavorevoli, il tempo di Flick al Bayern Monaco è stato a dir poco notevole.

Dall’iniziare inizialmente come assistente di Niko Kovac, ha sostituito il croato come manager nel novembre 2019 e ha supervisionato una sorprendente ripresa delle fortune.

I bavaresi hanno vinto la Bundesliga, la Champions League e la DFL-Pokal solo nella scorsa stagione. Da allora hanno aggiunto una Supercoppa UEFA, una Supercoppa tedesca e una Coppa del Mondo per Club FIFA al loro bottino.

Un altro titolo della Bundesliga potrebbe essere sulla loro strada prima della fine della stagione.

Il Flick, nel frattempo, vanta una percentuale di vittorie dell’81,93% con un record di 68 vittorie, otto pareggi e sette sconfitte in 83 partite.

“Gli ultimi due anni saranno indimenticabili per me”, ha detto l’ex centrocampista in una dichiarazione.

“Ho apprezzato molto le emozioni, le vittorie, i titoli, ma anche il lavoro quotidiano sul campo – è stato un periodo eccezionale”.

“Il successo può essere raggiunto solo insieme! Un allenatore non è niente senza la sua squadra e ho avuto la fortuna di incontrare giocatori fantastici qui a Monaco e uno staff e una squadra di allenatori che hanno fatto cose incredibili. Grazie ragazzi, grazie Kathleen [Kruger]!

“Un ringraziamento speciale va anche al presidente Herbert Hainer, così come a tutto il consiglio di amministrazione intorno a Karl-Heinz Rummenigge, Oliver Kahn e Hasan Salihamidzic per avermi dato la possibilità di allenare questa grande squadra.

“Rimane un aspetto negativo: Non abbiamo potuto festeggiare i più grandi successi durante questo periodo con i tifosi. Mi è mancata in ogni partita.

“Auguro alla famiglia del FC Bayern il meglio per il futuro. Non è una frase vuota quando dico: ‘È stato un grande onore per me'”.