Emiliano Martinez

Martinez descrive la sua disastrosa carriera con l’Arsenal

Emiliano Martinez

Emiliano Martinez

Mentre parlava con Football Daily, Emiliano Martinez ha aperto sulla sua disastrosa carriera con l’Arsenal.
Emiliano Martinez ha rivelato di aver perso il suo amore per il calcio durante il suo lungo periodo con l’Arsenal. Tuttavia, c’è stato un momento in cui la stella dell’Argentina e dell’Aston Villa si è fatto valere e ha migliorato la sua vita.

Certamente, il 28enne ha trascorso un periodo luminoso all’Aston Villa, e la sua recente Copa America non può essere dimenticata. Tuttavia, Martinez capisce cosa significa passare attraverso la lotta estrema dopo il suo periodo indesiderato con l’Arsenal.

L’argentino ha giocato a malapena in prima squadra e ha trascorso la maggior parte del suo tempo in prestito con diversi club. Questi includevano Oxford United, Sheffield Wednesday, Rotherham United, Wolverhampton Wanderers, Getafe e Reading prima di unirsi al Villa.

Martinez ha descritto la sua vita a Football Daily dicendo: “Non credo che ci si prepari a non giocare. Ho sempre pensato di avere il talento, ma a un certo punto della mia carriera, quando avevo 22, 23 anni, non stavo giocando. Sono andato in prestito per la prima volta in Spagna, ho giocato solo sei partite”.

“Poi ho capito che sarei dovuto tornare all’Arsenal e non mi avrebbero dato una possibilità. Quindi sarei dovuto andare in prestito, quindi quegli anni sono stati davvero difficili. A un certo punto ho smesso di amare il calcio”.

“Era una cosa che mi preoccupava. Ho detto a mia moglie: ‘So che non sto giocando ma ho smesso di guardare le partite di calcio’. Quindi non era un posto facile dove stare. Poi sono andato di nuovo in prestito al Reading in Championship, un campionato in cui non volevo stare”.

“Mi sono messo in una posizione: Ho un bambino appena nato, questo sarà il mio ultimo prestito. Me lo sono messo in testa, ho iniziato con uno psicologo che mi ha aiutato a superare il mio brutto momento. Mi ha aiutato a superare le mie frustrazioni”.

“Perché ho sempre creduto di avere il talento. Ho sempre creduto in me stesso, che avrei potuto essere uno dei migliori”.