Andros Townsend

Le stelle della Premier League sapevano che la Super League europea non avrebbe mai funzionato

Andros Townsend

Andros Townsend

Andros Townsend ha affermato che i giocatori della Premier League sapevano già che la Super League europea era destinata a fallire.
L’attaccante del Crystal Palace Andros Townsend è grato per il ruolo svolto dai tifosi nell’assicurarsi che la Super League europea non abbia mai visto la luce del giorno.

La notizia che le cosiddette “sei grandi” della massima serie inglese avevano accettato di diventare membri fondatori di una nuova Super League d’elite ha inviato onde d’urto attraverso lo sport domenica sera.

Tuttavia, la Super League era finita prima di iniziare, con la maggioranza dei club fondatori che si sono ritirati, iniziati dalle squadre inglesi.

Townsend dice che i giocatori sono stati lasciati all’oscuro di tutto e hanno sentito solo gli sviluppi su Twitter, proprio come tutti gli altri.

Riflettendo su quelli che sono stati gli ultimi due giorni movimentati, il 29enne dice che i piani della Super League erano “condannati” nel momento in cui la FIFA e la UEFA hanno minacciato di bandire le stelle dalla Coppa del Mondo e dagli Euro.

“Ci sono state molte chiacchiere nello spogliatoio”, ha detto l’ala del Palace a talkSPORT.

“Alla fine abbiamo visto perché tutti amano il calcio, abbiamo visto il potere dei tifosi, il potere dei giocatori, il potere del giornalismo, degli opinionisti, e collettivamente ci siamo uniti per fare in modo che questa competizione sconsiderata non vedesse la luce del giorno”.

Parlando di come i giocatori lo hanno scoperto, Townsend ha detto: “Su Twitter”.

“È divertente, la gente pensa che abbiamo queste informazioni interne e che sappiamo le cose e le otteniamo in anticipo, ma no, lo scopriamo come tutti gli altri, solo su Twitter”.

“Non siamo stati informati dal club o altro, non siamo nemmeno arrivati a quel punto perché chiunque abbia parlato con noi è stato categorico sul fatto che questa competizione non avrebbe mai visto la luce del giorno.

“Non c’era modo che potesse funzionare, quindi non c’era bisogno di una riunione ufficiale o qualcosa del genere, sapevamo che in un paio di giorni questa cosa sarebbe saltata e sarebbe andata, e questo si è rivelato essere il caso.

“Non potevo vedere come un formato come questo potesse mai vedere la luce del giorno, quindi alla fine è stata fatta la cosa giusta.

“Una volta che la UEFA e la FIFA hanno detto che avrebbero iniziato a bandire i giocatori dalle competizioni internazionali e che non si sarebbe potuto giocare nelle Coppe del Mondo e negli Europei, non c’è stato modo di superarlo. Quello è l’apice della carriera di qualsiasi giocatore, quindi una volta che è successo sapevamo che era condannato”.