lazio

Lazio e Inter: tutte le possibili combinazioni per la Champions

Lazio o Inter? Il verdetto Champions è rimandato all’ultima giornata. Ci aspetta quindi un finale da brividi, dove le due squadre si giocheranno l’accesso al torneo europeo più importante in uno spettacolare scontro diretto. Nell’anticipo di sabato l’Inter ha offerto un match point alla Lazio, soccombendo in casa contro il Sassuolo. I gol bellissimi di Politano nel primo tempo e Berardi nella ripresa hanno spento quasi ogni speranza di poter arrivare al quarto posto, ma i biancocelesti non hanno saputo approfittarne. A Crotone infatti è arrivato solo un 2-2. Dopo l’iniziale vantaggio firmato da Lulic su rigore e poi la rete del definitivo pari di Milinkovic-Savic a seguito della rimonta calabrese prodotta da Simy e Ceccherini. Occasione sprecata quindi, con l’ultimo pass per la Champions che verrà assegnato nella sfida dell’Olimpico.

Lazio: stessa situazione di 3 anni fa, finirà nello stesso modo?

Non una novità per la Lazio, già protagonista di una sceneggiatura simile tre stagioni fa. Allora l’obiettivo era il terzo posto e la rivale il Napoli, chiamato a vincere al San Paolo per agguantare i biancazzurri ed effettuare il sorpasso in virtù degli scontri diretti a favore. Definire pazza quella partita è forse riduttivo. Al doppio vantaggio nei primi 45 minuti di Parolo e Candreva infatti, aveva risposto Higuain con una doppietta nel giro di nove minuti in avvio di ripresa.

lazio

KLOSE/IACOBUCCI/SHUTTERSTOCK

La situazione si era ulteriormente complicata con l’espulsione di Parolo, poi pareggiata da quella di Ghoulam, con il Pipita che a un quarto d’ora dal termine aveva calciato clamorosamente alto il rigore della qualificazione. A tempo quasi scaduto infine, Onazi e Klose avevano firmato il successo e il terzo posto per la formazione guidata al tempo da Pioli. Allora la Lazio non era comunque riuscita ad entrare in Champions, perdendo il preliminare contro il Bayer Leverkusen.

La Lazio si qualifica se…

lazio

MILINKOVIC-SAVIC/BARNI/SHUTTERSTOCK

La formazione biancoceleste avrà lo stesso distacco e le stesse possibilità di tornare nell’Europa dei grandi – questa volta non ci saranno preliminari – anche domenica prossima. Tre sono infatti i punti di vantaggio sull’Inter a 90 minuti dalla fine del campionato, con l’unica differenza rispetto alla stagione 2014-15 rappresentata dalla possibilità di giocarsi il futuro europeo davanti al proprio pubblico. Contro l’Inter la squadra di Inzaghi punterà comunque ovviamente alla vittoria, in modo tale da non arrivare a giocarsi tutto sul filo del rasoio. Alla Lazio tuttavia basterà un pari per poter risentire l’inno della Champions a oltre 10 anni di distanza dall’ultima volta. Il pareggio è esattamente il risultato che si è consumato nella gara d’andata, quando a San Siro le due squadre non andarono oltre lo 0-0, con i ragazzi di Spalletti che difesero il momentaneo punto di vantaggio sugli avversari.

 L’Inter si qualifica se…

lazio

ICARDI/BARNI/SHUTTERSTOCK

I nerazzurri avranno invece a disposizione un solo risultato per centrare l’obiettivo Champions. L’Inter, dopo aver vinto la competizione nel 2010, ha raggiunto i quarti di finale l’anno successivo e gli ottavi nel 2011-12. Dopo allora non è più riuscita a qualificarsi per il massimo torneo europeo per club, avvicinandosi al traguardo – in termini di posizione finale – nel 2015-16, con un ritardo però di 13 punti dalla Roma terza. Battendo la Lazio, la squadra di Spalletti chiuderebbe al quarto posto il campionato. Con un successo infatti, i nerazzurri raggiungerebbero  i ragazzi di Inzaghi a quota 72 punti, “superandoli” in virtù degli scontri diretti a favore. In le scommessa in Serie A infatti, a parità di punti prevale la regola degli scontri diretti e l’Inter si troverebbe in vantaggio grazie anche allo 0-0 maturato all’andata. Per Spalletti si tratterebbe invece della terza qualificazione consecutiva.

Lascia un commento