La Coppa del Mondo in Russia 2018

La Coppa del Mondo in Russia 2018

WM 2018 LogoNessun altro evento al mondo cattura l’interesse come la FIFA World Cup. Fin dalla prima gara in Uruguay che si è svolta nel 1930, la competizione ammiraglia della FIFA è cresciuta costantemente di popolarità e prestigio.

Un gruppo di visionari amministratori di calcio francesi, guidati negli anni ’20 dall’innovatore Jules Rimet, ebbero l’originale idee di riunire le nazionali di calcio più forti del mondo, per competere l’una contro l’altra per il titolo di Campioni del Mondo. Il trofeo d’oro originale portava il nome di Jules Rimet ed è stato messo in palio tre volte negli anni ’30, prima che la Seconda Guerra Mondiale mettesse in pausa il torneo per ben 12 anni.

Alla sua ripresa, la Coppa del Mondo FIFA raggiunse rapidamente lo status indiscusso come il più grande evento sportivo del mondo moderno. I tornei si sono svolti dal 1958 in poi, alternandosi tra Europa e America, mentre nel 1996 si sono aperte nuove strade, con la decisione del Comitato Esecutivo di selezionare Corea e Giappone come co-conduttori dell’edizione del 2002.

Dal 1930, i 16 tornei hanno visto solo sette diversi vincitori. Tuttavia, la Coppa del Mondo FIFA è stata anche punteggiata da drammatici sconvolgimenti che hanno contribuito a creare la storia del calcio (nel bene e nel male): gli Stati Uniti sconfiggendo l’Inghilterra nel 1950, la sconfitta nordcoreana dell’Italia nel 1966, l’emergere del Camerun negli anni ’80 e la sconfitta in apertura del torneo nel 1990 da parte dei detentori del trofeo, l’Argentina…

Oggi, la Coppa del Mondo FIFA attira l’interesse di tutto il mondo, appassionati e non. Un pubblico che nel 1998 al torneo francese, ha messo davanti alla TV ben 37 miliardi di persone, con 1,3 miliardi di persone solo per la finale, mentre negli stadi francesi si sono alternate 2,7 milioni di persone per le 64 partite in programma.

Dopo tutti questi anni e tanti cambiamenti, tuttavia, anche per la Coppa del Mondo 2018 l’obiettivo resta sempre lo stesso, lo scintillante trofeo d’oro, che è l’incarnazione delle ambizioni di ogni calciatore.

Come si arriva in Russia

La procedura per scegliere le nazioni ospitanti delle coppe del mondo 2018 e 2022, sono iniziate nel gennaio del 2009 e le federazioni nazionali, hanno avuto fino al 2 febbraio del 2009, per registrare il loro interesse a partecipare come nazione ospitante. Inizialmente, i paesi che si sono proposti per ospitare la Coppa del Mondo 2018 sono stati 9, ma in seguito, il Messico fu la prima nazione a ritirarsi dai giochi, mentre la proposta indonesiana, venne respinta dallo stesso comitato FIFA nel febbraio del 2010, dopo che il governo indonesiano inviò una lettera al comitato FIFA per l’interesse a partecipare. Durante le classiche procedure di selezione, si sono ritirate tre nazioni non appartenenti alla UEFA, ovvero Australia, Giappone e Stati Uniti, mentre quelle appartenenti alla UEFA, sono state escluse di conseguenza dalla partecipazione alla corsa per il 2022. Infine, restarono 4 nazioni in ballo per partecipare come paese ospitante all’edizione del 2018: Inghilterra, Russia, Paesi Bassi/Belgio e Portogallo/Spagna.

Il comitato esecutivo della FIFA, composto da ventidue membri, si è riunito a Zurigo il 2 dicembre 2010 per votare e scegliere le due nazioni che avrebbero ospitato il mondiale in entrambi i tornei (2018 e 2022). La Russia ha vinto il diritto di essere il paese ospitante del 2018 nel secondo turno di votazioni. L’offerta Portogallo/Spagna è arrivata seconda, e quella dal Belgio/Paesi Bassi al terzo posto. L’offerta dell’Inghilterra di ospitare il suo secondo torneo è caduta al primo ostacolo.

Ecco come sono stati distribuiti i voti:

CandidatiVoti 1° turnoVoti 2° turno
Russia913
Portogallo/Spagna77
Belgio/Paesi Bassi42
Inghilterra2Eliminata

Le squadre che si sono classificate al torneo

Per la prima volta nella storia della Coppa del Mondo, tutte le nazioni eleggibili – le 209 federazioni affiliate alla FIFA meno automaticamente la Russia che partecipa di diritto come paese ospitante – sono entrate nel processo di qualificazione. Lo Zimbabwe e l’Indonesia furono poi squalificati prima di giocare le loro prime partite, mentre Gibilterra e Kosovo, che si sono unite alla FIFA il 13 maggio 2016, ossia dopo il sorteggio dei gironi, ma prima che iniziassero le partite, sono entrate anch’esse in competizione.

I posti del torneo sono stati assegnati alle confederazioni continentali, con un’assegnazione invariata rispetto ai Mondiali del 2014. Il primo match di qualificazione è iniziato a Dili, Timor Leste, il 12 marzo 2015 come parte della confederazione AFC, mentre il sorteggio principale ha avuto luogo presso il Palazzo di Konstantinovsky a Strelna, San Pietroburgo, il 25 luglio 2015 alle 18:00 locali.

Delle trentadue nazioni qualificate per giocare il Mondiale di Russia 2018, venti paesi hanno gareggiato nella precedente edizione del torneo nel 2014 (e noi italiani sappiamo bene quale sia una delle nazioni che mancano all’appello…). Sia l’Islanda che Panama si sono qualificati per la prima volta, con la prima che è diventato il paese più piccolo in termini di popolazione a raggiungere la Coppa del Mondo. Altre squadre che tornano dopo un’assenza di almeno tre tornei includono: l’Egitto, che torna alle fasi finali dopo 28 anni di assenza dalla loro ultima apparizione nel 1990; il Marocco, che ha gareggiato per l’ultima volta nel 1998; il Perù, di ritorno dopo 36 anni di assenza (dal 1982); e Senegal, in gara per la seconda volta dopo aver raggiunto i quarti di finale nel 2002. È la prima volta che tre paesi nordici (Danimarca, Islanda e Svezia) e quattro nazioni arabe (Egitto, Marocco, Arabia Saudita e Tunisia) si sono qualificati per il Coppa del Mondo.

Tra i paesi di spicco che non sono riusciti a qualificarsi, figurano i quattro volte campioni del mondo dell’Italia (per la prima volta dal 1958) e i tre volte campioni del mondo dell’Olanda. Quattro campioni continentali in carica non sono riusciti a qualificarsi: il Camerun vincitore della Coppa d’Africa 2017, il due volte campione della Coppa America e il secondo finalista della Confederations Cup 2017, vincitore dell’OFC Nations Cup della Nuova Zelanda, e la vincitrice della Coppa d’oro 2017 degli USA CONCACAF (per il prima volta dal 1986). Altre due eccellenti nazioni escluse, sono il Ghana e la Costa d’Avorio, che avevano entrambe partecipato ai tre tornei precedenti.

Foto: © Olga Popova / Shutterstock.com

Foto: © Olga Popova / Shutterstock.com

Il sorteggio dei gironi

Il sorteggio si è tenuto il 1° dicembre del 2017, alle ore 18:00 di Mosca, presso il Palazzo del Cremlino. Le 32 squadre sono state divise in otto gruppi da quattro squadre ciascuno.

Per il sorteggio, le squadre sono state assegnate a 4 lotti differenti, in base alla classifica mondiale FIFA dell’ottobre 2017. Il primo lotto di squadre, conteneva i padroni di casa della Russia (che erano automaticamente assegnati alla posizione A1) e le migliori sette squadre. Nel secondo lotto c’erano le successive 8 squadre migliori e così via, per il 3° e 4° lotto di squadre.

Questo tipo di sorteggio è del tutto nuovo nella storia della FIFA, in quanto, nelle precedenti edizioni, solo il primo lotto era scelto in base alla classifica, mentre gli altri, si prendeva in considerazione la geografia del paese… Tuttavia, si è mantenuto il fatto che nazioni della stessa confederazione, non venissero accoppiate l’una contro l’altra nella fase a gironi, tranne che per l’UEFA, in quanto ogni gruppo ne contiene 2 squadre (essendo la confederazione con il maggior numero di nazioni partecipanti).

Lotto 1Lotto 2Lotto 3Lotto 4
Russia (padroni di casa)SpagnaDanimarcaSerbia
GermaniaPerùIslandaNigeria
BrasileSvizzeraCosta RicaAustralia
PortogalloInghilterraSveziaGiappone
ArgentinaColombiaTunisiaMarocco
BelgioMessicoEgittoPanama
PoloniaUruguaySenegalCorea del Sud
FranciaCroaziaIranArabia Saudita

Le sedi del Mondiale di Russia 2018

La Russia ha proposto le seguenti città ospitanti: Kaliningrad, Kazan, Krasnodar, Mosca, Nizhny Novgorod, Rostov-on-Don, San Pietroburgo, Samara, Saransk, Sochi, Volgograd, Yaroslavl e Ekaterinburg. Tutte le città sono dentro o appena fuori dalla Russia europea, per ridurre i tempi di viaggio per le squadre nell’enorme paese. La federazione russa ha dichiarato in merito alle sedi: “L’offerta russa propone 13 città ospitanti e 16 stadi, superando così il requisito minimo della FIFA: tre dei 16 stadi saranno rinnovati e 13 saranno di nuova costruzione”.

Nell’ottobre 2011, la Russia ha ridotto il numero di stadi da 16 a 14. La costruzione dello stadio Podolsk proposto nella regione di Mosca, è stata annullata dal governo regionale, e anche nella capitale, l’Otkrytiye Arena era in competizione con il Dynamo Stadium su cui sarebbe stato costruito.

La scelta finale delle città ospitanti è stata annunciata il 29 settembre 2012. Il numero di città è stato ulteriormente ridotto a 11 e il numero di stadi a 12, dato che Krasnodar e Yaroslavl sono stati eliminati dall’elenco finale. Dei 12 stadi utilizzati per il torneo, 3 (Luzhniki, Ekaterinburg e Sochi) sono stati ampiamente rinnovati e gli altri 9 stadi da utilizzare sono nuovi di zecca.

Sepp Blatter ha dichiarato nel luglio del 2014 che, a causa delle preoccupazioni per il completamento delle sedi in Russia, il numero di sedi per il torneo potrebbe essere ridotto da 12 a 10 per la Coppa del Mondo 2018.

Le sedi del Mondiale 2018

Le sedi del Mondiale 2018

Nell’ottobre 2014, durante la loro prima visita ufficiale in Russia, il comitato d’ispezione della FIFA e il suo responsabile, Chris Unger, hanno visitato San Pietroburgo, Sochi, Kazan ed entrambe le sedi di Mosca. I progressi sono stati ritenuti soddisfacenti.

L’8 ottobre 2015, la FIFA e il Comitato organizzatore locale hanno concordato i nomi ufficiali degli stadi utilizzati durante il torneo. Delle 12 sedi utilizzate, lo stadio Luzhniki di Mosca e lo stadio di San Pietroburgo (i due stadi più grandi della Russia) saranno utilizzati di più, con 7 partite giocate in ciascuno di essi. Sochi, Kazan, Nizhny Novogrod e Samara ospiteranno 6 partite, tra cui un quarto di finale a testa, e lo stadio Otkrytiye di Mosca e Rostov-on-Don ospiteranno 5 partite a testa. Volgograd, Kaliningrad, Ekaterinburg e Saransk ospiteranno 4 match ciascuno e nessuna di queste città ospiterà alcuna fase ad eliminazione diretta.

Il programma degli incontri

Il programma completo è stato annunciato dalla FIFA il 24 luglio del 2015 (senza orari, che sono stati invece confermati in seguito). La Russia si è piazzata in posizione A1 nella fase a gironi e giocherà nella partita d’apertura allo stadio Luzhniki di Mosca il 14 giugno contro l’Arabia Saudita, le due squadre di livello più basso del torneo al momento dell’estrazione finale. Lo stadio Luzhniki ospiterà anche la seconda semifinale, l’11 luglio e la finale il 15 luglio. Il Krestovsky Stadium di San Pietroburgo ospiterà la prima semifinale il 10 luglio e la finalina per il terzo posto il 14 luglio.

La fase a gironi

Al Mondiale di Russia 2018 avremo 8 gironi da 4 squadre ciascuno. Il sorteggio ha diviso le squadre in questo modo:

Gruppo AGruppo BGruppo CGruppo DGruppo EGruppo FGruppo GGruppo H
RussiaPortogalloFranciaArgentinaBrasileGermaniaBelgioPolonia
Arabia SauditaSpagnaAustraliaIslandaSvizzeraMessicoPanamaSenegal
EgittoMaroccoPerùCroaziaCosta RicaSveziaTunisiaColombia
UruguayIranDanimarcaNigeriaSerbiaCorea del SudInghilterraGiappone

Si qualificheranno alla fase successiva, le prime due squadre di ogni girone. In caso di parità, si verificherà la differenza reti e poi il numero di gol segnati in ogni girone.

Fase ad eliminazione diretta

Nelle fasi a eliminazione diretta, se una partita termina in parità al termine dei 90 minuti di gioco (più recupero), viene giocato un tempo extra (due periodi di 15 minuti ciascuno) e in seguito, se necessario, dai un rigore per determinare i vincitori.

Se una partita finisce nei supplementari, a ogni squadra sarà permesso di fare una quarta sostituzione, la prima volta che questo viene permesso in un torneo della Coppa del Mondo FIFA.

Sponsor e mascotte

Mondiali 2018

Foto: Caromai / Shutterstock.com

Il logo del torneo è stato presentato il 28 ottobre 2014 dai cosmonauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale e poi proiettato nel Teatro Bolshoi di Mosca durante un programma televisivo serale. Il ministro sportivo russo Vitaly Mutko, ha affermato che il logo è ispirato dalla “ricca tradizione artistica russa e dalla sua storia di audaci conquiste e innovazione”, e il presidente della FIFA Sepp Blatter, ha affermato che riflette il “cuore e l’anima” del paese. Per il brand, è stato creato dall’agenzia di design portoghese Brandia Central nel 2014, un carattere speciale chiamato Dusha (da Душа, che in russo sta per anima).

La mascotte ufficiale del Mondiale di Russia 2018, è un lupo di nome Zabivaka (“colui che segna” in russo), ed è stato presentato il 21 ottobre 2016. Rappresenta di un lupo antropomorfo, con maglia di lana marrone e bianca e le parole “RUSSIA 2018” e occhiali sportivi arancioni. La combinazione di t-shirt bianca e blu e pantaloncini rossi sono ispirati ai colori nazionali della squadra russa. La designer è la studentessa Ekaterina Bocharova e la mascotte è stata selezionata tramite votazione via Internet.

I risultati per la scelta della mascotte, sono stati annunciati il 22 ottobre 2016, nella Evening Urgant su Channel One Russia. Il lupo, di nome Zabivaka, ha ottenuto il 53% dei voti, davanti a Tiger (27%). Cat, ha ottenuto il 20% dei voti, ed è arrivato terzo. Più di 1 milione di persone hanno partecipato alle votazioni, tenutesi nel settembre del 2016 sulle piattaforme FIFA, nonché durante la trasmissione in diretta su Channel One, dove sono stati annunciati i risultati della competizione.

Chi vincerà la prossima Coppa del Mondo?

Dato che ne sono i detentori del trofeo e hanno vinto di recente anche la Confederations Cup praticamente con la “seconda squadra”, la Germania è considerata la favorita per vincere la Coppa del Mondo 2018 secondo la maggior parte delle agenzie di scommesse.

Dovranno superare il Messico, la Svezia e la Corea del Sud per uscire vincenti dal loro gruppo, ma gli uomini di Low hanno dimostrato costantemente nel corso degli anni, di avere il coraggio da vendere e di essere in grado di arrivare fino in fondo nei principali tornei internazionali.

Alla squadra tedesca, si aggiungono come favoriti i brasiliani, non solo perché la Selecao ha vinto questo torneo 5 volte (più di chiunque altro), ma anche perché quest’anno potrà schierare tra le sue fila il giocatore più pagato al mondo e di maggior talento secondo molti, Neymar. La squadra di Tite, ha vinto facilmente il proprio girone di qualificazione, relegando 10 punti dietro l’Uruguay, arrivata seconda.

Va detto che nel girone del Brasile, ci sono squadre laboriose e abili, più di quanto possano far pensare i loro nomi: Serbia, Svizzera e Costa Rica, andranno tutte affrontate con la giusta determinazione, perché arrivare alla fase a eliminazione diretta, non sarà una passeggiata.

Oltre a Germania e Brasile, la Francia è tra le favorite per vincere la competizione, a 10 anni di distanza dal primo e unico trionfo. Non è una sorpresa vedere Les Bleus così ben quotati, considerando che Didier Deschamps ha un impressionante pool di talenti da cui attingere, tra cui Paul Pogba e Antoine Griezmann.

I campioni del mondo 2010 della Spagna non sono la stessa Furia Roja che ha dominato il calcio internazionale dal 2008 al 2012, ma, con giocatori come Sergio Ramos, Isco e Andres Iniesta a loro disposizione, rimangono una delle squadre più temibili al mondo.

Nel 2014 non hanno fatto una bella figura nei gironi di qualificazione alla fase ad eliminazione diretta, ed anche questa volta, sarà tutt’altro che una passeggiata. Nel loro girone troviamo i rivali iberici del Portogallo di CR7, il Marocco e l’Iran. Non così semplice, ma dovrebbero avere abbastanza benzina in corpo almeno per arrivare tra le prime quattro al mondo.

Mondiali Odds - 888sport

Mondiali 2018 Odds – 888sport

Lascia un commento