Andrea Agnelli

Il presidente della Juventus fa una grande ammissione sulla Super League

Andrea Agnelli

Andrea Agnelli

La Super League è stata ufficialmente sospesa per “rimodellare il progetto” dopo che metà dei suoi 12 membri fondatori si è tirata indietro.
Il presidente della Juventus Andrea Agnelli ha ammesso che la Super League non può più andare avanti dopo il ritiro di tutti e sei i club della Premier League coinvolti.

La Super League sperava di vedere tre membri fondatori in più prima del suo lancio, invece ha avuto una drastica riduzione dei membri appena 48 ore dopo il suo annuncio.

Il Manchester City ha annunciato martedì di aver “formalmente attuato le procedure per ritirarsi dal gruppo che sviluppa i piani per una Super League europea”.

Manchester United, Liverpool, Arsenal, Chelsea, Tottenham hanno successivamente rilasciato dichiarazioni sui loro rispettivi siti web annunciando la loro decisione di ritirarsi.

Anche il Barcellona e l’Inter si aspettano di ritirarsi, anche se Real Madrid, Atletico Madrid, AC Milan rimangono impegnati nel progetto, a quanto pare.

“Per essere franchi e onesti no, evidentemente non è questo il caso”, ha risposto Agnelli quando gli è stato chiesto se il progetto potrebbe ancora accadere, via BBC.

“Resto convinto della bellezza di quel progetto, del valore che avrebbe sviluppato alla piramide, della creazione della migliore competizione al mondo, ma evidentemente no. Non credo che quel progetto ora sia ancora attivo e funzionante”.