Cristiano Ronaldo

Il Bayern Monaco si apre sulla firma di Cristiano Ronaldo

Cristiano Ronaldo

Cristiano Ronaldo

Mentre entriamo nell’ultima settimana della finestra di trasferimento estiva, il Bayern Monaco ha aperto sulle possibilità di firmare Cristiano Ronaldo.
Se c’era una possibilità che il Bayern Monaco firmasse Cristiano Ronaldo, ora è tutto finito dopo la dichiarazione di Karl-Heinz Rummenigge. Sappiamo tutti che i giganti bavaresi hanno una politica frugale di non pagare ai loro giocatori uno stipendio osceno. Sono riusciti a mantenere le loro più grandi stelle attraverso la promessa di mettere sempre il prestigio al di sopra del denaro. Robert Lewandowski alla fine ha deciso di rimanere al club nonostante le molte offerte che ha avuto.

Alla fine, è diventato il giocatore più importante del Bayern in un anno storico in cui hanno vinto il loro secondo treble di sempre. Ma il Bayern traccia la linea quando giocatori come Ronaldo diventano una possibilità. Non c’è modo che accettino di pagare 35 milioni di euro a stagione per qualsiasi giocatore, indipendentemente dal suo nome. Questo fine settimana, abbiamo visto il portoghese chiedere alla Juventus di lasciarlo in panchina mentre risolve il suo futuro. Tuttavia, firmare Cristiano Ronaldo è un lusso che pochi possono avere nel calcio europeo.

Rummenigge spiega perché Ronaldo è impossibile.

Anche se il Bayern Monaco è uno dei club più potenti della storia del calcio, non firmerebbe mai un giocatore costoso come Cristiano Ronaldo. Inoltre, non scenderebbe mai troppo nei suoi salari nonostante il club che mostra interesse nel suo trasferimento. Karl-Heinz Rummenigge ha parlato a Reif ist live di questa possibilità dopo aver lasciato il suo lavoro al club. Questo è ciò che Diario AS ha raccolto dalle sue dichiarazioni: “Cristiano?

“Il problema più grande è chi può aumentare ancora di più il suo stipendio? Attualmente guadagna 70 milioni di euro prima delle tasse, 35 milioni di euro dopo le tasse. Chi può pagarlo così tanto? Il PSG o forse un club inglese? Questo non è un modo molto sano di progredire e la UEFA ha la responsabilità di fare qualcosa. Abbiamo bisogno di un regolamento preciso perché le spese saliranno sempre e un intervento è necessario. Altrimenti il calcio dovrà attraversare un periodo davvero duro”.