chamions league

I piani di espansione della Champions League possono aumentare il divario di ricchezza tra i club della Premier League

champions league

champions league

Questa settimana, gli appassionati di calcio di tutto il mondo sono stati entusiasti di leggere i nuovi cambiamenti che stanno arrivando alla Champions League.
Questi cambiamenti entreranno in vigore a partire dal 2024 e molte persone stanno speculando sull’impatto complessivo che avranno sul campionato. La maggior parte dei fan sono anche ansiosi di vedere se il Bayern Monaco sarà in grado di fare una replica dello scorso anno o se un’altra squadra.
I siti di scommesse sulla Champions League hanno il Bayern Monaco come favorito per la vittoria sul Man City, ma solo con un sottile margine. Al momento in cui questo articolo è stato scritto, le scommesse online UK sportsbook 888 sports, avevano il Bayern Monaco a 3.75/1 per vincere, rispetto al Man City 4/1, un margine incredibilmente stretto.

La gente sta già discutendo sul fatto che alcuni di questi cambiamenti potrebbero avere un effetto molto negativo su alcune squadre e persino su alcuni campionati locali. Continuate a leggere per scoprire quali sono esattamente questi cambiamenti e come potrebbero avere un impatto sull’intero mondo del calcio europeo.

I cambiamenti allargheranno il divario?

Ecco una lista dei cambiamenti che entreranno in vigore a partire dal 2024 nella Champions League:

Un “sistema svizzero”:

Invece di avere un formato regolare con fasi a gironi, la UEFA sta optando per passare a quello che è comunemente noto come un sistema svizzero. Tutte le squadre saranno classificate in una singola divisione e sorteggiate l’una contro l’altra nella fase a gironi prima di passare ai turni ad eliminazione diretta. Un chiaro vantaggio di questo cambiamento è che gli incontri saranno più vari e affronterà anche il fatto che la maggior parte dei fan pensa che le fasi a gironi siano diventate sempre più stantie nel corso degli anni.

Slot di riserva per i club d’elite:

Questi slot saranno disponibili per i club d’elite che non riescono a qualificarsi attraverso le competizioni nazionali. Molte persone pensano che questo cambiamento potrebbe rivelarsi disastroso e in qualche modo ingiusto, dato che le altre squadre dovranno ancora competere nei campionati nazionali per arrivare alla Champions League.

Un aumento del numero di squadre concorrenti:

Il numero di squadre totali sarà aumentato di quattro, per un totale di 36 squadre. Questo cambiamento aumenterà anche il numero di partite giocate di 100 partite ogni stagione, il che significa più soldi nelle tasche della lega. Per le singole squadre, questo significa che dovranno giocare un totale garantito di dieci partite invece di sei.
Allora, perché la gente è preoccupata per tutti questi cambiamenti? Beh, per cominciare, la questione principale su cui tutti chiedono a gran voce è il denaro. Il denaro è il fattore principale dato dai funzionari della lega per questi cambiamenti, per cominciare.

Sperano che un aumento delle partite aumenti le entrate dai diritti di trasmissione e da altre fonti di reddito. Ma questo può anche avere un effetto negativo sulle leghe locali, per esempio. Se le emittenti pagano più soldi per le partite di Champions League, questo non significa meno soldi per le leghe locali? Questo non significa che i campionati locali saranno ignorati, ma le emittenti daranno sicuramente la priorità a spendere soldi per la Champions League, perché porta più spettatori.

Questi cambiamenti daranno anche alle squadre che competono in Champions League più soldi. Più soldi che possono spendere per giocatori migliori. Questo potrebbe portare a campionati locali ancora più squilibrati dove ogni squadra che attualmente partecipa alla Champions League potrebbe finire per avere una squadra molto più forte della concorrenza. Ovviamente, il fatto che quei top team avranno anche molte più partite da giocare in Champions League potrebbe portare ad un maggiore affaticamento dei loro giocatori, pareggiando la bilancia con un piccolo margine.

Paesi come Inghilterra, Spagna, Italia e Germania hanno attualmente quattro slot garantiti nelle fasi a gironi della Champions League. Questi cambiamenti permetteranno alle squadre che non arrivano tra le prime quattro nel loro campionato locale di avere ancora una possibilità. Tre dei quattro slot aggiuntivi che sono stati introdotti saranno in palio per queste squadre. Questi tre slot saranno scelti in base al record storico in Europa che quelle squadre hanno. Il quarto e ultimo posto extra potrebbe andare alla Francia, dato che hanno solo due slot garantiti mentre una terza squadra deve effettivamente qualificarsi per farcela.

Secondo la nostra onesta opinione, tutti questi cambiamenti hanno senso dal punto di vista finanziario. Sarà ovviamente vantaggioso per la Champions League e per tutte le squadre coinvolte. Ma che dire delle leghe locali e delle squadre che non giocano regolarmente in Champions League. L’impatto di questi cambiamenti sarà evidente solo dopo alcuni anni, ma la mia stima è che potrebbe portare ad alcune leghe locali molto ingiuste. Purtroppo, lo sport è diventato sempre più dettato dai soldi e da chi può permettersi i migliori giocatori per la propria rosa. Questo cambiamento potrebbe avere un impatto negativo in questa particolare area e aumentare solo il divario tra le squadre. Nel complesso, questo porterà ad alcune partite esilaranti poiché le squadre saranno in competizione per più soldi, ma porterà anche ad alcune partite molto disuguali a livello locale.

Conclusione

Non importa quanto speculiamo sull’impatto di questi cambiamenti, accadranno comunque. Non si può biasimare la UEFA per aver cercato di capitalizzare di più sulla sua risorsa principale. Il mix tra un sistema svizzero, slot di riserva per i club d’elite e un numero maggiore di club in grado di partecipare renderà sicuramente il torneo del prossimo anno più eccitante e interessante per gli spettatori, i tifosi e gli sponsor. Qualunque sia il risultato, stiamo sicuramente tenendo d’occhio lo sviluppo dei cambiamenti proposti dalla UEFA