Zlatan Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic 1

Zlatan Ibrahimovic

Forza e unità sono le parole chiave per il successo del Milan

Zlatan Ibrahimovic è stato fondamentale per il successo della prima metà della stagione del Milan e continuerà ad esserlo nel 2021, ma cominciano ad essere sempre di più gli appassionati che sostengono che sia uno sforzo collettivo, e non le capacità del singolo a portare in altro questa squadra.

Le grandi personalità che rendono letale questo Milan

Se non si tratta delle corse da brivido e dei gol nel finale di Theo, allora è il lavoro incessante di Ismaël Bennacer e Franck Kessie nelle trincee di centrocampo. La fiducia di Simon Kjaer nel dare l’esempio ed emergere un modello da imitare merita i suoi plausi, così come il breakout di Hakan Calhanoglu e Gianluigi Donnarumma che si impone ancora di più nella conversazione per i migliori portieri del mondo. Ci sono così tanti eroi sconosciuti che, in un momento o nell’altro in un anno pieno di infortuni e di test positivi, hanno dato una mano nella salita del primo tempo del Milan al vertice dell’Italia.

La forza del Milan deriva dal suo approccio collettivo. Ogni individuo sembra disposto a sporcarsi le mani. Si potrebbe dire che ciò che al Milan manca di qualità ai suoi avversari, lo compongono in unità e atteggiamento sacrificale verso l’ottenimento del risultato desiderato. C’è una mentalità da uomo successivo su questo lato che non può essere insegnata, e si potrebbe sostenere che è l’unico elemento che li differenzia dagli altri in competizione per il titolo.

Ogni singolo punto ha un significato per finire tra i primi quattro e, se le stelle si allineano, finire come campioni d’Italia. Alla domanda sull’idea di vincere lo scudetto e di porre fine al decennio di dominio della Juventus, Ibrahimović ha risposto meglio: “Dobbiamo avere fame. Ogni giorno. Dobbiamo avere il coraggio di sognare”. L’anno si è concluso, ma, come abbiamo visto domenica, le difficoltà e le sfide che ci attendono sono molte. La prima prova del Milan in trasferta contro il Benevento di Pippo Inzaghi ha messo in atto la loro determinazione quando, aggrappato all’1-0, Sandro Tonali è stato espulso con un cartellino rosso.

Il Milan ha affrontato una raffica di 25 colpi delle streghe, ma con le cinque parate decisive di Gianluigi Donnarumma e lo sforzo meravigliosamente arricciato di Rafael Leão, quella capacità di scavare in profondità l’uno per l’altro ha prevalso nella vittoria per rimanere in cima alla classifica. Impoverito di risorse chiave, il Milan di Stefano Pioli ha anche affrontato la partita della scorsa settimana contro la Lazio con grinta, energia e voglia di vincere piuttosto che razionalizzare perché tutto tranne la vittoria fosse accettabile. Dopo un primo vantaggio per 2-0 svanito, la determinazione dei rossoneri si è rivelata ancora una volta decisiva quando il colpo di testa di Theo Hernandez ha strappato tutti e tre i punti agli ospiti in un 3-2 degno di tutto ciò che li ha resi speciali nel 2020.

Un 2021 pieno di aspettative da parte dei Campioni d’Inverno

Mentre inizia ad abituarsi a questo 2021, il Milan siede in cima alla classifica della Serie A davanti ai rivali dell’Inter per rivendicare lo status di campione invernale. Questa impresa, anche se lodata e celebrata, rappresenta un momento per riflettere sull’anno che è stato e capire come gli inizi umili dovrebbero servire da fermo promemoria di tutto il lavoro che resta da fare. Prima dell’interruzione del gioco a marzo a causa del COVID-19, il Genoa ha inflitto al Milan una sconfitta shock all’interno di un San Siro vuoto e cupo. Piuttosto che crollare e scrivere completamente il resto della campagna, il riavvio è diventato il capitolo di apertura di un anno indimenticabile pieno di crescita e ottimismo per il futuro. Premiandolo con un nuovo contratto anziché assumere il rivoluzionario del calcio Ralf Rangnick, la decisione del Milan di mantenere Pioli in panchina, sebbene audace, si è rivelata corretta.