Florentino Perez

Florentino Perez risponde alle minacce della UEFA sulla Super League

Florentino Perez

Florentino Perez

Florentino Perez è indifferente alle minacce dell’UEFA contro i club e i giocatori coinvolti nella Super League europea.
Il presidente del Real Madrid Florentino Perez ha minimizzato la gravità delle minacce fatte dalla UEFA dopo l’annuncio della Super League europea di domenica.

Da allora c’è stato un enorme contraccolpo in tutto il mondo del calcio. 12 club, tra cui il Real Madrid di Perez, hanno confermato l’intenzione di unirsi alla Super League europea. Altre tre squadre dovrebbero unirsi.

La competizione rouge è destinata a diventare un rivale diretto per la Champions League della UEFA nei prossimi anni.

Il presidente della UEFA Aleksander Ceferin, quindi, ha avvertito tutti i calciatori che giocano nella Super League di aspettarsi di essere banditi dalla Coppa del Mondo e dal Campionato Europeo.

Ma Perez, che ha parlato per la prima volta lunedì sera dopo l’annuncio della Super League, ha respinto questa minaccia.

“Ogni giocatore può stare tranquillo perché questo non accadrà”, ha detto a El Chiringuito lo spagnolo, che diventerà presidente della Super League europea.

“Non saranno banditi se si uniranno alla Super League”.

Il membro del comitato esecutivo Jesper Moller, nel frattempo, ha affermato che la UEFA potrebbe costringere le semifinaliste Real Madrid, Chelsea e Manchester City fuori dalla Champions League di questa stagione a causa del loro coinvolgimento nella Super League.

“Real Madrid, Manchester City e Chelsea non saranno banditi dalla Champions League o dai campionati nazionali”, ha detto Perez in risposta all’affermazione di Moller.

“Impossibile, ve lo posso assicurare. Al 100%, non accadrà, la legge ci protegge. Questo è impossibile”.

Perez ha anche sbattuto Ceferin per aver bollato il presidente della Juventus Andrea Agnelli e il suo omologo del Manchester United Ed Woodward come “serpenti”, etichettando i commenti come “inaccettabili”.