Arturo Vidal
Arturo Vidal

Arturo Vidal

Cosa sta succedendo ad Arturo Vidal?

In questo articolo andremo ad analizzare le prestazioni di Arturo Vidal e si chiede se ha solo bisogno di tempo per recuperare il suo meglio o se il suo grande motore è finalmente rotto.

Una fiamma che sembrerebbe essersi (quasi) spenta

“Nessun uomo è mai abbastanza grande per conoscersi meglio.” —Holbrook Jackson. Per Arturo Vidal questo sembra essere il suo motto da quando è arrivato all’Inter, poiché la sua scarsa disciplina e il suo giudizio avventato hanno ostacolato piuttosto che aiutare la squadra di Antonio Conte.

Nella voragine vuota che è San Siro, il tecnico ha muggito imprecazioni al centrocampista cileno, anche se continua a fidarsi di lui. È perché Conte crede di essere ancora capace del suo meglio? I media italiani sono divisi, alcuni accusano la mancanza di pre-campionato e altri semplicemente ammettono che sembra che abbia avuto la sua giornata. Allora, qual è?

Era tutto molto diverso quando era in Germania al Bayern Monaco. Vidal nel 2014 diceva parlando di se, che molti cercavano di imitare il suo stile di gioco, sottolineando come lui fosse il miglior giocatore di centrocampo difensivista al mondo. Inoltre, diceva che nessuno che difendeva come lui segnava così tanti gol.

Probabilmente aveva ragione in quel momento. Certamente è stato più del semplice guerriero come molti lo percepiscono. La sua capacità di interrompere il gioco in mezzo al campo è stata una delle sue migliori risorse ed è sempre stato fisico, anche se essere ammonito non è una novità dato che ha una lunga storia di collezionisti di carte.

Forse una delle qualità allettanti sia per il Bayern che per il Barcellona era che era sempre estremamente pericoloso quando andava avanti. La sua energia e determinazione gli hanno permesso di saccheggiare su e giù per il campo andando di box in box, collegando difesa e attacco mentre lo faceva.

Nel 2016-17, dopo Robert Lewandowski e Arjen Robben, è stato il prossimo capocannoniere del Bayern, segnando in tutte e quattro le competizioni. Questi gol erano spesso anche importanti, aiutando la sua squadra a prendere il comando o essere il gol decisivo nel finale.

Nel 2019-20 (non molto tempo fa) lo faceva ancora per il Barcellona. I suoi gol in questa stagione lo hanno reso il quarto miglior marcatore del club dietro a Leo Messi (27), Luis Suárez (18) e Antoine Griezmann (15).

Forse l’età di Vidal e il fatto che sia coinciso con la fine dell’Inter all’inseguimento di Sandro Tonali, hanno fatto sì che la mossa sia stata accolta da molti con critiche.

Conte aveva espresso di volere dei leader che potessero “vincere adesso” e quando Messi si lamentava di quanto fosse mancata la presenza di Vidal nello spogliatoio, molti capiscono perché l’allenatore pensasse che stesse acquistando qualcosa di ben diverso.

Cosa serve a Vidal per ritrovare il suo stato di forma ottimale?

Forse Antonio ha previsto quello che aveva visto al Barcellona? Solo a luglio il club lodava la sua efficacia.

Quello che invece è stato trattato dai tifosi nerazzurri è simile a un’Aston Martin con il motore di un tosaerba.

Anche i freni sembrano non funzionare perché si è tuffato nei contrasti, ricevendo cinque cartellini gialli e un rosso entro 13 partenze e cinque presenze sostitutive in tutte le competizioni.

Ha regalato il rigore contro il Crotone che ha visto il mister rimproverarlo da bordo campo ed è stato poco utile nel terzo offensivo. Sia chiaro, non è l’unico problema dell’Inter ma sembra rappresentare o in qualche modo definire i fallimenti del regno di Conte.

Conte sembra sicuramente avere fiducia in lui e questa è una sua prerogativa, anche se il nazionale cileno si è riposato contro la Sampdoria nella prima sconfitta dell’Inter in Serie A nelle ultime 12 partite di mercoledì. Gli altri acquisti della sua “guardia più anziana” sono stati contrastanti, Matteo Darmian si è comportato bene a 31 anni ma Aleksandar Kolarov è stato un disastro assoluto.

Puoi accettare i falli di Vidal quando offre il lavoro difensivo, l’energia e gli obiettivi, ma fino ad ora c’è stata solo una confusione che potrebbe essere dovuta a una mancanza di forma fisica.

Vidal ha semplicemente bisogno di riposo e preparazione? O, in alternativa, i suoi giorni sono contati e quel grande motore è finalmente rotto?