Ronaldo Man united

Come Ronaldo trasformato durante i suoi primi giorni Man Utd

Ronaldo Man united

Cristiano Ronaldo

Durante una chiacchierata su BeINSPORTS, Darren Fletcher ha spiegato come Cristiano Ronaldo si è trasformato durante i suoi primi giorni al Manchester United.
Con tutti i mezzi, il vecchio avatar di Cristiano Ronaldo al Manchester United non può essere eguagliato da nessun giocatore, è semplicemente troppo bello da guardare. Ora, prima di configurarsi come un puro marcatore di gol, l’attaccante portoghese vantava immense abilità sul campo.

Anche se questi trucchi erano una festa per gli occhi, hanno dato vita a frustrazione e rabbia all’interno della squadra dello United. Perché quando Ronaldo riceveva la palla ai suoi piedi, preferiva il dribbling al passaggio e al possesso.

Infatti, durante i suoi primi giorni all’Old Trafford, l’attaccante per eccellenza mancava della capacità di segnare davanti a una porta. Ovviamente, Cristiano si è sviluppato nel corso degli anni ed è diventato uno dei grandi di tutti i tempi. Ma, una certa persona ha avuto un impatto inosservato sull’attaccante.

L’ex centrocampista del Manchester United Darren Fletcher ha raccontato una storia interessante mentre parlava con Richard Keys su BeINSPORTS nel 2020. Credeva che Walter Smith, ex assistente di Sir Alex Ferguson, fosse responsabile di un cambiamento nel comportamento di CR7 in campo.

Richard Keys ha interrogato Fletcher con: “Molti hanno descritto Ronaldo come un numero da circo nei primi giorni. Cosa è cambiato? O chi lo ha cambiato?”. Su questo, l’ex giocatore dell’United ha avuto un aneddoto affascinante.

Un’influenza sottovalutata. 🙌

Fletcher ha detto: “Potevi vedere questo ragazzo carismatico, potevi vedere l’abilità, potevi vedere la spinta a diventare il miglior giocatore del mondo. Ma ha frustrato la vita di tutti. Tutti pensavano che se avesse potuto imparare…”.

“Alla fine è arrivato Walter Smith e ha deciso di non dare falli in allenamento. In generale, penso che l’unico scopo fosse per Ronaldo. Così quando Ronaldo faceva le sue abilità, non passava la palla e si prendeva i calci, i ragazzi gli facevano i falli”.

“Prima dei primi sei mesi della stagione, c’erano falli dati come ci si aspettava, e Walter diceva: ‘No, niente falli’. Per due settimane Ronaldo si stava strappando i capelli e stava andando fuori di testa. Stagione aperta. Colpiscilo”.

“Cosa succede dopo qualche settimana? Ronaldo inizia a muovere la palla perché è stufo di essere preso a calci. Ora, inizia a giocare a uno o due tocchi e a correre, ora inizia a fare gol”.

Martedì, l’ex manager di Scozia, Rangers ed Everton Smith è morto all’età di 73 anni dopo aver combattuto la malattia per mesi. Ha goduto di un breve periodo sotto Ferguson durante la stagione 2003-03 e sarà sempre ricordato per aver fatto parte della carriera di Ronaldo.